Virgilio Sport

Tour de France, l'Italia non fa più paura: il dato che fa riflettere

Il Tour de France è alle porte ma un dato inequivocabile rispecchia il momento difficile del ciclismo azzurro e certifica una cosa: l'Italia non fa più paura alla Grande Boucle.

Pubblicato:

L’Italia non fa più paura al Tour de France. I tempi di Nibali, ultimo italiano a trionfare nella Grande Boucle nel 2014, sono lontani e al momento è difficile individuare un erede dello Squalo di Messina. Anche perché c’è un dato che preoccupa seriamente il ciclismo azzurro, ovvero quello dei ciclisti che partiranno per la Francia: saranno infatti solo sette gli italiani protagonisti dal primo al 23 luglio.

Tour de France, gli azzurri presenti

Queste la lista dei ciclisti azzurri: alla partenza di San Mamès a Bilbao ci saranno Luca Mozzato (Arkea), Gianni Moscon (Astana), Alberto Bettiol (EF), Matteo Trentin (UAE-Emirates), Jacopo Guarnieri (Lotto) e Daniel Oss (Total Energies) e Giulio Ciccone (Lidl-Trek), quest’ultimo l’italiano su cui riporre le speranze maggiori, anche se Pogacar e Vingegaard sembrano inarrivabili.

Soltanto sette, un dato peggiore non si vedeva da ben 40 anni, quando nel 1983 furono appena sei gli azzurri presenti al Tour de France. Ma non c’è molto da stupirsi, il numero era in calo da diversi anni. Sembra lontanissimo il 1996, quando ci fu il record di presenza degli italiani alla Grande Boucle: il Bel Paese potè contare su ben 62 ciclisti, quell’anno gli azzurri erano quasi il doppio dei francesi (38) e quasi il triplo degli spagnoli (23).

Nibali ci aveva visto lungo

Le difficoltà del movimento azzurro sono evidenti e lo stesso Nibali analizzò il punto chiaramente: “Il ciclismo italiano? In questo momento sta soffrendo. Passare nella massima categoria è più difficile rispetto a prima, emergere lo è altrettanto. Ogni team ha più di un capitano e si lavora per loro, ma il motivo principale resta la mondializzazione. Per crescere bisogna fare investimenti importanti. Oltre a questo serve la passione, con questi elementi un bel team si riesce a creare. Le potenzialità in Italia ci sono”, ha concluso l’ex vincitore del Tour, Giro d’Italia e Vuelta.

Tour, nel 2024 tappa in Italia: le cose devono cambiare

Bisogna fare in fretta, le presenze al Tour de France sono un messaggio chiaro. L’Italia è addirittura al decimo posto, dietro a nazioni come Australia, Danimarca e Norvegia, per numero di corridori alla Grande Boucle, che il prossimo anno farà tappa anche in Italia e più precisamente a Torino. Al momento non resta che sperare in buoni piazzamenti degli azzurri, ma le premesse per il primo luglio non sono certo confortanti.

Tour de France, l'Italia non fa più paura: il dato che fa riflettere Fonte: Getty Images

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...