Virgilio Sport

Tour de ski, il norvegese Klaebo completa l'opera

L'Azzurro Pellegrino chiude 4^ nella classifica generale, la gara va all'altro norvegese Krueger.

08-01-2023 15:11

Tour de ski, il norvegese Klaebo completa l'opera Fonte: Getty Images

Si chiude il Tour de Ski e il norvegese Johannes Klaebo chiude i conti nell’ultima tappa, che firma così la sua tripletta (2019-2022-2023), avvicinando l’elvetico Dario Cologna vittorioso in 4 occasioni.

Klaebo, che ha vinto 66 volte in carriera, va in difficoltà sulla rampa del Cermis, dove le pendenze sfiorano il 28%, ma difende con un 6^ posto il tesoretto di 1′ di vantaggio accumulato nelle 6 prove messe nel suo carniere: la manifestazione vale un premio di 80 mila franchi svizzeri. Compongono il podio della 10 km tecnica classica i norvegesi Krueger (31’20″4) e Holund (+4″8) e il transalpino Lapierre (+25″): seguono Roethe (+27″4) e via discorrendo Klaebo (+45″5): l’ex leader di Coppa è arrivato a 1’36″8 in 18^ piazza, l’Azzurro Federico Pellegrino ha puntellato la classifica generale (4^ a 1’44″4, dietro a Krueger e Holund, staccati rispettivamente di 59″5 e 1’02″9) con una bella azione sino agli 800 metri finali, che vale l’8^ posizione a 1’02″9. Il valdostano ha conquistato 3 podi in 7 tappe: quelli in stagione sono 6, inclusa 1 vittoria e a partire da Livigno il bottino non potrà che migliorare. Francesco De Fabiani, reduce dal podio nella 15 km classico, ha chiuso 14^ il Tour.

Queste le dichiarazioni di Federico Pellegrino alla FISI: “Al di là di ogni più rosea aspettativa, il mio approccio ha funzionato. Ho dato il meglio di me in ogni gara e ho visto ottime cose dal mio fisico in questi giorni, quindi il risultato va molto bene. Ho fatto tante gare e la qualità di questo sci di fondo è la brillantezza e oggi ero ancora scattante negli ultimi 100 metri. Ho provato a dare tutto anche oggi, peccato per il podio al Tour de ski che a me è sembrato un obiettivo irraggiungibile. A 32anni ho imparato a sciare a skating, in salita soprattutto. Mi sento fiducioso dei miei mezzi in salita e un po’ alla volta cercherò di colmare il gap che mi separa dai più forti: i risultati vengono di conseguenza”.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...