,,

Virgilio Sport

Wimbledon, Hewitt spiega la decisione di escludere gli atleti russi e bielorussi

Daniil Medvedev e Andrey Rublev sono tra coloro che salteranno Wimbledon a causa del divieto imposto agli atleti russi e bielorussi.

27-06-2022 16:16

Wimbledon, Hewitt spiega la decisione di escludere gli atleti russi e bielorussi Fonte: Getty Images

La decisione dell‘ATP e della WTA di privare Wimbledon di punti per la classifica a causa del bando dei giocatori russi e bielorussi è stata “molto deludente”, dato che “non c’erano alternative valide”.

Questo è stato il messaggio del presidente dell‘All England Club, Ian Hewitt, in un’intervista rilasciata a ESPN in vista del terzo Major dell’anno che inizia oggi.

Numerose sanzioni sportive e finanziarie sono state imposte alla Russia per l’invasione in corso della vicina Ucraina, con San Pietroburgo privata del diritto di ospitare la finale di Champions League e la Russia eliminata dalle qualificazioni alla Coppa del Mondo del Qatar.

L’All England Club ha seguito l’esempio confermando che agli atleti russi e bielorussi non sarebbe stato permesso di giocare ai Championship di quest’anno, ma la WTA e l’ATP hanno risposto privando la major dei suoi punti di classifica.

Gli organizzatori di Wimbledon hanno mantenuto la loro decisione, mettendo in discussione la punizione di questi organi di governo, e Hewitt afferma che il divieto è stato giustificato da ragioni esterne allo sport.

“Uno dei motivi è stato quello di prendere in considerazione la possibilità di avere dichiarazioni personali da parte dei giocatori e, francamente, non pensavamo che fosse l’approccio giusto per un torneo del nostro genere”, ha detto Hewitt.

“Non volevamo mettere a repentaglio la sicurezza dei giocatori e pensiamo che questa strada avrebbe comportato delle implicazioni per la sicurezza dei giocatori o delle loro famiglie, per cui non c’erano altre alternative valide. Ma era anche molto importante per noi che Wimbledon, dato il profilo che abbiamo, non venisse utilizzato in alcun modo dalla macchina di propaganda che sappiamo essere impiegata dal governo russo nei confronti del proprio popolo e di come viene presentata la sua posizione nel mondo. Non permetteremmo mai che il successo di Wimbledon o la partecipazione a Wimbledon vengano utilizzati in questo modo. Quindi, a causa di questa combinazione di ragioni, non ci è rimasta altra alternativa che rifiutare le iscrizioni; ci dispiace molto per l’impatto sui singoli giocatori coinvolti. Ma ci rammarichiamo anche per l’impatto che la tragica situazione in Ucraina ha avuto su tante persone innocenti”.

La punizione delle stelle russe e bielorusse ha fatto sì che Daniil Medvedev, numero uno del mondo, non partecipasse al Major sui campi in erba, così come Andrey Rublev, ottavo classificato al mondo.

Anche la numero sei del mondo femminile Aryna Sabalenka è stata esclusa, insieme alla 13ª classificata Daria Kasatkina e alla 20ª classificata Victoria Azarenka, ma Hewitt ha confermato la sua decisione.

“In relazione alla decisione dell’ATP e della WTA di eliminare i punti del ranking, sì, siamo molto delusi, crediamo che sia un approccio sproporzionato e, francamente, crediamo che sia più dannoso per gli interessi di una grande maggioranza di giocatori, e ci rammarichiamo di questa decisione dell’ATP e della WTA”, ha aggiunto.

“Rispettiamo il fatto che le opinioni siano diverse, ma avremmo sperato che ci fosse stato un modo diverso di affrontare la questione nell’interesse dei giocatori. Ma per quanto riguarda la nostra decisione, siamo certamente convinti della nostra decisione e direi che ora il nostro obiettivo principale è quello di andare avanti con i campionati e dimostrare che siamo davvero un campionato che rappresenta l’apice di questo sport”.

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...