,,
Virgilio Sport SPORT

Zazzaroni, il tweet che divide i tifosi di Inter e Milan

Il direttore del Corriere dello Sport perora la causa della demolizione di San Siro in favore di un nuovo impianto più confortevole

Ivan Zazzaroni entra a gamba tesa sulla questione San Siro e i tifosi di Inter e Milan si dividono. Il direttore del Corriere dello Sport e del Guerin Sportivo ha detto la sua sulla ventilata demolizione del leggendario impianto milanese, scatenando un vivace dibattito e anche delle polemiche. Ma cos’ha scritto ‘Zazza’ sul suo profilo Twitter tanto da generare una discussione tanto condivisa?

Il retweet – Il giornalista bolognese ha retwittato un post del collega Roberto Renga: “Abbattere San Siro è come cancellare la Scala. Solo pensarlo fa venire i brividi e la febbre. E poi non si scherza con i santi”. A modo suo, però. Con un commento tranchant, che va in direzione diametralmente opposta.

Il commento – Ecco l’opinione di Zazzaroni: “Gli inglesi hanno abbattuto Wembley e Highbury per costruire stadi più moderni e accoglienti e noi dobbiamo conservare le cattedrali del calcio per continuare a lamentarci dell’inospitalità dei vecchi impianti”. Più di cento i commenti in poche ore. Con punti di vista spesso opposti.

Le reazioni – “Hanno anche eliminato la domenica del villaggio di Davide Mengacci, ci abbiamo sofferto tutti ma il mondo deve andare avanti e rinnovarsi”, ironizza un follower scatenando l’ilarità dello stesso Zazzaroni: “Io non mi sono ancora ripreso”. Un altro fa notare che “Barca e Real ristrutturano i loro stadi” e viene ripreso dal direttore del Corsport che incalza: Ristrutturino San Siro. E se un altro utente sottolinea come “Passi abbattere San Siro ma per accasarsi in uno stadio di proprietà e non multiproprietà”, molti altri la pensano come ‘Zazza’: “In Italia è vietato fare tutto, siamo catenacciari anche in economia”.

SPORTEVAI | 28-03-2019 09:01

Zazzaroni, il tweet che divide i tifosi di Inter e Milan Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...