Virgilio Sport

37 anni dopo l'Hesyel a Parigi sfiorata un'altra tragedia: i retroscena

Come nell'85 per la finale Juventus-Liverpool, la sfida di Champions di ieri al Parco dei Principi ha rischiato di fare tante vittime: centinaia i feriti

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Chi oggi volesse far visita all’ex stadio Hesyel, oggi ribattezzato “Re Baldovino, a Bruxelles troverebbe solo una targa marroncina che commemora i nomi delle 39 vittime di quell’assurda tragedia che si consumò esattamente 37 anni fa, il 29 maggio del 1985, prima della finale dell’allora coppa Campioni tra Juventus e Liverpool. Scene strazianti e indimenticabili quelle che tutti videro, allo stadio o in tv, per quella che avrebbe dovuto essere solo una festa del calcio. Per motivi di ordine pubblico la partita si giocò e la Juventus fu “costretta” ad alzare la coppa insanguinata al cielo dopo aver battuto i Reds ma quella ferita non è stata mai curata. Ieri però, prima della finale di Champions tra Liverpool e Real Madrid, si è corso il rischio di una nuova strage di innocenti.

Heysel, il ricordo della Juventus 37 anni dopo

La triste ricorrenza a 37 anni di distanza dall’Heysel è stata oggetto di un comunicato commemorativo della Juventus che sul suo sito scrive: “Quando la memoria va a una tragedia incredibile, come quella che il 29 maggio del 1985 si verificò all’Heysel, in occasione della finale di Coppa dei Campioni che contrapponeva la Juve al Liverpool, le emozioni si accavallano. Ci sono i ricordi di chi era lì, quella sera, e che difficilmente da allora è riuscito a guardare una partita di calcio con la stessa gioia e la stessa serenità, perché il giorno dell’Heysel è uno di quelli che segna un prima e un dopo.

C’è l’orrore di chi magari nemmeno era ancora nato allora, ma quando guarda quelle immagini, in un documentario, o su Internet, stenta a credere che siano vere, che siano successe. C’è poi il dramma, sempre vivo, delle trentanove famiglie che quella notte videro la loro vita cambiare. Le famiglie delle vittime, a cui non smetteremo mai di stringerci, nel pensiero e nel ricordo, oggi e tutti i giorni. Perché l’Heysel è un ricordo che dura – e deve durare – per sempre”.

A Parigi si è rischiata una nuova Heysel, cosa è successo

Ieri però si è rischiato il bis. Tra errori di disorganizzazione, lacune della polizia inglese come di quella francese, problemi logistici e quant’altro si è creato un caos prima dell’inizio della gara tra Liverpool e Real Madrid a Parigi che ha determinato lo slittamento del fischio d’inizio della partita di 36′. Moltissimi tifosi del Liverpool, tanti dei quali regolarmente muniti di biglietto, non erano riusciti ad entrare. Il problema, come è stato spiegato alla fine della partita da una nota dell’Uefa, è nato dai tanti biglietti falsi fra i tifosi del Liverpool: i tornelli d’ingresso non si sono aperti bloccando il flusso d’ingresso.

La polizia ha fatto uso di gas lacrimogeni e urticanti per disperdere gruppi di tifosi che stavano tentando di entrare. In precedenza, prima dell’intervento delle forze dell’ordine, una ventina di tifosi erano riusciti a scavalcare i cancelli. Il problema è che non si è fatto nulla per proteggere chi era in possesso del prezioso tagliando e lo sbandierava davanti agli ingressi nella speranza che gli steward permettessero loro di accedere all’impianto.

A Parigi 68 arresti e quasi 250 feriti per la finale di Champions

Il bilancio – provvisorio – parla di 68 arresti nei pressi dello Stade de France e delle fan zone, in merito gli incidenti che hanno segnato lo svolgimento della finale di Champions con oltre 238 persone sono state soccorse per ferite.

Il Liverpool ha chiesto un’inchiesta all’Uefa per gli incidenti di Champions

Il Liverpool ha chiesto ufficialmente alla Uefa di aprire un’inchiesta per far luce su quello che è accaduto. La nota ufficiale del club: “Siamo estremamente delusi dalla rottura del perimetro di sicurezza e dai problemi di accesso allo stadio che i tifosi del Liverpool hanno dovuto affrontare questa sera allo Stade de France.

Questa è la più grande partita del calcio europeo e i tifosi non dovrebbero vivere le scene a cui abbiamo assistito stasera. Abbiamo ufficialmente chiesto un’indagine formale sulle cause di questi problemi inaccettabili“.

Paganini accusa i tifosi del Liverpool e l’Uefa per incidenti di Champions

Sui social è un fiorire di reazioni tra cui spicca lo sfogo del giornalista della Rai Paolo Paganini che su twitter scatena la polemica: “La Premier League sarà anche il campionato più bello ma i tifosi inglesi vedi in particolare quelli del Liverpool non cambieranno mai, purtroppo. E le istituzioni del calcio lo dovrebbero sapere bene, molto bene. Mai successo nella storia che sia stata ritardata una finale di champions. Ma come si fa? Siamo a Parigi non in Congo. Ma la Uefa se la fa qualche domanda o no? Nemmeno al torneo dei bar si vedono queste cose”

Tags:

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...