Virgilio Sport

Bruno Fernandes: "In Italia il trequartista non ha vita facile"

La stella del Manchester United, avversario del Milan, ripensa all'Italia: "La storia di Dybala è illuminante, si è sempre severi nei suoi confronti".

Pubblicato:

Bruno Fernandes: "In Italia il trequartista non ha vita facile" Fonte: Getty

A volte non tutti i colpi di calciomercato vanno a segno come dovrebbero…Ne sanno qualcosa Novara, Sampdoria e Udinese che non hanno potuto apprezzare la versione migliore di Bruno Fernandes. 

Oggi, invece a 26 anni, il trequartista portoghese è a tutti gli effetti una star del calcio mondiale: allo Sporting in patria ha vissuto una crescita esponenziale che gli è valsa la chiamata del Manchester United, dove si è imposto rapidamente sotto la guida di Ole Gunnar Solskjaer.

Il portoghese proprio stasera sarà in campo contro il Milan nell’andata degli ottavi di finale di Europa League, uno dei pericoli maggiori per la difesa rossonera che dovrà guardarsi attentamente soprattutto dai suoi calci piazzati, punto di forza di un bagaglio tecnico illimitato.

Intervistato da ‘La Gazzetta dello Sport’, Bruno Fernandes ha ricordato l’avventura italiana e le differenze abissali tra i tempi di allora e l’era d’oro attuale. “Ero giovanissimo, dovevo completare la crescita fisica, passavo da un paese all’altro. In Italia non mi sono affermato completamente perché la figura del trequartista nel vostro calcio non ha vita facile. La storia di Dybala mi pare illuminante. Tutti si aspettano qualcosa di speciale da lui, ma si è sempre severi nei suoi confronti”.

Il miglior Bruno Fernandes, forse, si è visto all’Udinese di Francesco Guidolin: per il tecnico veneto solo elogi, con un pizzico di rammarico per quello che avrebbe potuto essere e invece non è stato. “Udine è stata, anche per gli anni trascorsi in Friuli, la tappa più importante, ma il cambio di allenatori non mi aiutò. Peccato, perché avevo trovato un vero maestro. Chi? Francesco Guidolin. Se avessi trascorso più tempo con lui, forse sarebbe andata diversamente”.

Adesso però c’è da giocare un match importante di Europa League: Manchester United-Milan. Due squadre dall’enorme blasone, accomunate dalla voglia di tornare ad altissimi livelli dopo un periodo non esaltante. “Sotto certi aspetti, noi e il Milan siamo uguali. Due club dal passato prestigioso, dieci Champions nella sala trofei, che hanno attraversato una fase di transizione, ma stanno tornando in alto. A inizio campionato, nessuno pensava che il Milan potesse lottare per lo scudetto. Siamo a marzo ed è secondo, gioca bene, ha giovani interessanti e possiede il valore aggiunto della forza di Ibrahimovic”.

 

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...