Virgilio Sport

Calcio in lutto, addio al mito Gerd Müller

L'ex attaccante di Bayern Monaco e Germania Ovest è morto a 75 anni. Ha vinto tre Coppe dei Campioni, un Europeo e un Mondiale. Dal 2015 era affetto dal morbo di Alzheimer.

Pubblicato:

Calcio in lutto, addio al mito Gerd Müller Fonte: Getty Images

Ancora un grave lutto per il calcio europeo. Nove mesi dopo la scomparsa di Paolo Rossi, eroe del Mundial 1982 per l’Italia, tocca alla Germania piangere la scomparsa di colui che è considerato il più forte centravanti della storia del calcio tedesco e uno dei più forti di sempre.

All’età di 75 anni è infatti morto Gerd Müller, campione d’Europa nel 1972 e del mondo nel 1974 con l’allora Germania Ovest e in precedenza terzo nel Mondiale messicano del 1970, quando i tedeschi furono sconfitti dall’Italia per 4-3 nella mitica semifinale di Città del Messico, considerata la “Partita del Secolo”.

In quella gara Müller segnò una doppietta, salendo in cattedra nei tempi supplementari con il gol del provvisorio 2-1 al 94’ e poi quello del 3-3 all’inizio del secondo tempo supplementare, un minuto prima della rete decisiva di Gianni Rivera, quella che permise all’Italia di vincere la partita e di approdare alla finale persa poi contro il Brasile, vittorioso per 4-1.

Müller ha griffato entrambe le finali vinte dalla Germania, realizzando una doppietta nel 3-0 all’Urss, finale di Euro 1972, e il gol decisivo contro l’Olanda nella finale del Mondiale 1974, svoltosi proprio in terra tedesca, in quella che fu l’ultima delle sue 62 partite con la maglia della selezione nazionale, condite da 68 gol.

Gerd Müller ha legato il proprio nome come squadra di club al Bayern Monaco, dove ha militato per 15 stagioni, dal 1964 al ’79, realizzando 404 reti con in bacheca quattro campionati nazionali e tre Coppe dei Campioni. Tuttora Muller è il miglior realizzatore nella storia del club bavarese.

Traumatico il post-calcio, nel quale Muller finì nel tunnel della depressione e dell’alcolismo, prima di diventare allenatore nel settore giovanile del Bayern.

Il 6 ottobre 2015 lo stesso Bayern Monaco, attraverso un comunicato stampa, aveva reso noto la notizia che Müller era affetto dal morbo di Alzheimer. Dopo aver appreso di avere la malattia l’ex attaccante aveva vissuto per un periodo in un centro medico specializzato.

Al suo fianco fino alla fine la moglie Uschi, che nei mesi scorsi aveva raccontato il dramma del marito: “Sta sdraiato a letto quasi 24 ore al giorno. Raramente ha momenti di veglia. Attraverso il battito di ciglia può rispondere di sì o di no alle domande che gli facciamo. A volte guardiamo insieme la televisione, anche se lui non recepisce. Gerd dorme proiettato verso la propria fine. Tiene gli occhi chiusi, assume solo cibo frullato. Mi dà la sensazione di essere calmo e sereno, non credo stia soffrendo. Sta dormendo verso l’aldilà”.

 

 

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...