Virgilio Sport

Champions League, Allegri si è preso la Juve: ora la prova Zenit

La banda di Max Allegri vola in Russia per affrontare lo Zenit. Con una vittoria i bianconeri sarebbero praticamente qualificati, non si può sbagliare.

Pubblicato:

Quale tifoso juventino non si ricorda la punizione da fantascienza con la quale Alex De Piero stese lo Zenit St. Pietroburgo nella Champions League 2008/2009? Quello fu l’ultimo scontro tra queste due formazioni nella massima competizione UEFA per club, ma oggi la situazione è molto diversa. La Juve al tempo tentava una difficile ricostruzione dopo la Serie B, con pochi campioni, Ranieri in panchina e molta fame. Oggi invece i bianconeri hanno vinto 9 scudetti negli ultimi 10 anni, e da loro non ci si aspetta meno che la vittoria della Coppa. Lo Zenit invece al tempo era una squadra “nuova”, mentre oggi è stabilmente nelle 32 partecipanti della fase a gironi, con un’esperienza notevolmente superiore e la consapevolezza di potersela giocare. 

Partita fondamentale questa per gli uomini di Allegri, che considerando Serie A e Champions vengono da 6 successi consecutivi grazie ai quali si sono rimessi in corsa per tutto. In campionato la formazione di Allegri, si trova a -1 dalla Zona Champions League, col 4° posto attualmente occupato dalla Roma di José Mourinho sconfitta dai bianconeri nell’ultimo turno, e in Champions League guida il girone dopo le vittorie contro Malmo e Chelsea. Nelle ultime 3 partite ufficiali la Juve ha sempre vinto per 1-0, ritrovando quella solidità e quel tipo di gioco che ha sempre contraddistinto il tecnico toscano. 

A favore della Vecchia Signora vengono anche le statistiche, che dicono che in tutte le competizioni europee, la Juventus non ha mai perso negli otto precedenti confronti contro squadre russe (7 vittorie e un pareggio), segnando 18 gol e subendone soltanto tre. 

Lo Zenit, che come quasi sempre domina il campionato russo (attualmente a 23 punti, + 2 sulla seconda) in Champions si trova al terzo posto nel girone con una sola vittoria, il 4-0 sul Malmo dell’ultimo turno. Da considerare come lo Zenit abbia perso solo una delle ultime cinque partite casalinghe contro avversarie italiane in competizioni europee, cioè col Milan nel 2012, a dimostrazione del fatto che giocare allo Stadio di San Pietroburgo non è mai facile per nessuno.

Capitolo formazioni. Allegri non avrà a disposizione ne Paulo Dybala (che avrebbe giocato la 50a partita in Champions) ne Alvaro Morata, dunque dovremmo rivedere quasi in toto la formazione che ha battuto i giallorossi, con la coppia d’attacco formata da Federico Chiesa (che viaggia verso un cambio di ruolo come punta) e Moise Kean (match-winner con la Roma). L’unico cambio dovrebbe essere Alex Sandro al posto del buon De Sciglio, fedelissimo di Max e autore di una buona prova contro la banda di Mou. Ancora out Rabiot causa Covid-19, Bentancur-Locatelli ancora proposti in mediana. 

Nel 4-2-3-1 del tecnico Sergej Semak, Azmoun sarà la punta centrale, coi 3 trequartisti Kuzyaev, Wendel, Claudinho a fargli da supporto. Douglas Santos in mediana è il giocatore che ha creato più occasioni su azione in questa Champions League (otto, al pari di Charles De Ketelaere, del Club Brugge). 

Probabili formazioni

Zenit (4-2-3-1): Kritsyuk; Sutormin, Barrios, Chistyakov, Lovren, Douglas Santos; Malcom, Kuzyaev, Wendel, Claudinho; Azmoun.
Juventus (4-4-2): Szczęsny; Danilo, De Ligt, Bonucci, Alex Sandro; Cuadrado, Locatelli, Bentancur, Bernardeschi; Chiesa, Kean.

Appuntamento questa sera, mercoledì 20 ottobre, alle ore 21.00.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...