Virgilio Sport

Parigi 2024, chi è Arianna Errigo: gli inizi, le medaglie olimpiche, i record mondiali ed europei e i due gemelli

La schermitrice brianzola vanta tre medaglie olimpiche (una per metallo), ma soprattutto 22 mondiali, 19 europee e ben 5 Coppe del Mondo. Mamma di due gemelli, è allenata dal marito Luca Simoncelli

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

Se davvero Parigi deve essere l’Olimpiade del destino, Arianna Errigo in qualche modo ha fatto capire di essere già proiettata in una nuova dimensione. Perché la chiamata del presidente del CONI Giovanni Malagò è di quelle che non passano inosservate: Arianna, alla quarta olimpiade da atleta, sarà protagonista nella cerimonia inaugurale dei giochi, ma in qualche modo proverà ad esserlo soprattutto sulla pedana del Grand Palais, lo spazio adibito ad ospitare le gare di scherma. Perché nei pensieri di Errigo c’è soprattutto quella mediana d’oro nell’individuale di fioretto che sempre le è sfuggita di mano nelle precedenti tre edizioni dei giochi.

Le Olimpiadi di Errigo: tre medaglie, una per metallo

La collezione di medaglie olimpiche invero è già piuttosto corposa: ne ha conquistate due a Londra 2012, a cominciare dall’oro nella prova a squadre, che pure non ha mitigato del tutto la delusione per la finale persa nel torneo individuale al cospetto di Elisa Di Francisca (con la quale, è bene ricordarlo, non sono mai state rose e fiori).

A Tokyo è arrivato l’unico metallo mancante, cioè il bronzo, conquistato sempre nella prova a squadre, dopo che a Rio la rotazione delle discipline non aveva contemplato la gara a squadre, ma soltanto l’individuale, dove venne eliminata dalla canadese Harvey negli ottavi di finale (a Tokyo a sbarragli la strada fu la connazionale Alice Volpi nei quarti di finale, poi costretta a sua volta ad accontentarsi della medaglia di legno).

A Parigi l’intenzione è quella di puntare al bersaglio grosso: proprio contro Volpi lo scorso anno ha ceduto in finale conquistando l’argento mondiale nella rassegna organizzata a Milano, anticamera di quel che dovrà essere la gara individuale nella capitale francese, dove l’obiettivo è di cercare di conquistare quella medaglia d’oro sin qui vissuta alla stregua di un’ossessione.

Arianna, il marito allenatore e i due gemelli

Nata a Monza il 6 giugno 1988, Arianna Errigo risiede stabilmente a Frascati, dove si è trasferita dopo le nozze del 2019 con il marito Luca Simoncelli, che nel frattempo è diventato anche il suo allenatore dopo essere stato un fiorettista di buon livello.

La coppia ha due gemelli, vale a dire Mirea e Stefano, che da poco hanno compiuto un anno, ma la cui nascita non ha impedito a Errigo di partecipare al mondiale di Milano (appena 4 mesi dopo il parto), primo appuntamento al quale ha preso parte dopo il mondiale disputato l’anno precedente al Cairo (e dove vinse l’oro a squadre, ripetendosi anche a Milano assieme all’argento individuale: ritiene queste due medaglie le più belle di tutta la sua carriera).

Gli inizi e l’incredibile palmares tra mondiali ed Europei

Arianna si è avvicinata alla scherma all’età di 6 anni, entrando nel Club Scherma Monza. Il suo stile aggressivo (è soprannominata “TsunAry” per via della capacità di cercare di chiudere gli assalti in tempi brevissimi) e la sua innata qualità di attaccante, peraltro tirando con la mano sinistra, l’ha portata ben presto a diventare una delle schermitrici più forti del panorama nazionale, specie dopo aver conquistato il titolo mondiale cadetti all’età di 16 anni, seguiti due anni dopo dalla vittoria in back to back negli Europei Juniores.

L’esordio in Coppa del Mondo, avvenuto nel 2006, l’ha portata a farsi notare da subito, con l’oro europeo a squadre del 2009 che ha rappresentato il primo trofeo degno di nota in campo internazionale . Da lì però le medaglie sono andate aumentando in fretta: Errigo ne ha conquistate 22 ai mondiali (due d’oro nell’individuale nel 2013 e 2014 e addirittura 8 nei concorsi a squadre, più 3 d’argento nell’individuale e 4 a squadre e 5 di bronzo, tutte nell’individuale), addirittura più delle 19 conquistate nei campionati Europei (di cui 12 d’oro: due individuali e 10 a squadre). Vanta anche 5 vittorie nella classifica annuale di Coppa del Mondo, la prima nel 2009 e l’ultima nel 2016.

La “doppia specialità” e l’ultimo grande viaggio

Arianna, che gareggia nel gruppo sportivo dei Carabinieri, ha fatto parlare di sé a metà dello scorso decennio per la decisione di voler gareggiare non soltanto nel fioretto, ma anche nella sciabola. Una cosa che era abitudinaria negli anni ’60-’70, ma che nel tempo è andata progressivamente scomparendo, così da suscitare reazioni non così concilianti da parte dei quadri tecnici federali.

Detto del suo rapporto non troppo idilliaco con Di Francisca, anche a 36 anni rimane una delle atlete di punta della spedizione della scherma a Parigi 2024, e non sorprende l’investitura di Malagò che l’ha voluta affiancare a Tamberi come portabandiera (la scherma per la nona volta avrà l’onore di avere un’atleta nel ruolo: è record assoluto).

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...