,,
Virgilio Sport SPORT

Cori e insulti per Mario Balotelli a Milano

L'ex attaccante dei meneghini domenica era al 'Meazza'.

Anche Mario Balotelli era presente a San Siro per Inter-Atalanta. L’ex attaccante della formazione meneghina, che ha giocato sabato con il suo Marsiglia, a un certo punto è stato inquadrato dal maxischermo del Meazza e sono cominciati i fischi e gli insulti della Curva Nord: “Se saltelli muore Balotelli” e “Balotelli figlio di…” i cori che sono riecheggiati nella Scala del Calcio. Il rapporto tra SuperMario e gran parte dei tifosi della 'Beneamata', incrinatosi quando ne era giocatore, si è frantumato del tutto con il suo passaggio al Milan. 

L’Atalanta, nell’occasione, ha retto il colpo dell’Inter ed è restata in corsa per un posto nella prossima Champions League. A San Siro la squadra di Gasperini impatta 0-0 contro quella di Spalletti, agganciando il Milan al quarto posto a quota 52 punti, a -5 dalla stessa Inter. Risultato nel complesso giusto, anche se a livello di occasioni è stata chiara la supremazia di un’Inter generosa e a tratti convincente, ma anche confusionaria. La gara ha vissuto diverse fasi. Meglio l’Inter in avvio, con due occasioni per Vecino (gol annullato e prodezza di Gollini), ma poi l’Atalanta è venuta fuori e pur senza creare opportunità da rete particolarmente significative, ha provato a mettere sotto Icardi e compagni, tornati padroni del campo nel secondo tempo.

A proposito di Icardi, c’era curiosità per la prima dell’attaccante argentino a San Siro, senza fascia di capitano, dopo quasi due mesi. La prestazione è stata confortante, il numero 9 nerazzurro ha sì mancato una clamorosa occasione al 30’, ma si è messo a disposizione della squadra, pur senza riuscire a scrollarsi di dosso i fischi di una parte dello stadio, ovvero della curva, compensati dagli applausi del resto dello stadio

Inevitabile, da parte di Luciano Spalletti, una battuta sulla prima a San Siro dopo due mesi di Icardi: "Di Mauro non parlo perché si parla sempre di lui e invece ci sono anche gli altri. Anche oggi era il giorno dell'Inter, non di Icardi, come anche in tutte le altre partite, passate e future. Icardi deve fare bene, deve venire incontro a palleggiare come oggi, deve correre per la squadra come fanno tutti gli attaccanti completi".

SPORTAL.IT | 08-04-2019 07:34

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...