,,
Virgilio Sport SPORT

Così non Var: scatta petizione dei tifosi dopo l'ultima polemica

La squalifica di Pellegrini per un giallo frutto di un errore dell'arbitro riapre le riflessioni sul protocollo da rivedere: social in fermento.

25-09-2021 11:14

I tifosi della Roma non hanno digerito la squalifica di Pellegrini per il derby con la Lazio. Il capitano, espulso nel finale della partita con l’Udinese in seguito a quella che si è rivelata un’evidente svista dell’arbitro Rapuano, non potrà giocare l’attesa stracittadina contro la squadra di Sarri. Impossibile il ricorso, che pure era stato ipotizzato in prima battuta dallo stesso Mourinho e dai Friedkin: il protocollo Var, per come è strutturato in Italia, non consente troppi margini di movimento per gli interventi giudicati da ammonizione e non da rosso diretto. E allora forse non sarebbe il caso di rivederlo, questo protocollo?

Squalifica Pellegrini, l’editoriale di Vocalelli

Sulla Gazzetta dello Sport Alessandro Vocalelli prende posizione sulla vicenda con un appassionato editoriale. “Va posta una domanda: ha senso che Pellegrini si sarebbe – paradossalmente – dovuto augurare di essere espulso direttamente? Sì, perché in quel caso l’addetto al Var, di fronte a un rosso diretto, avrebbe potuto richiamare l’arbitro, consigliargli di verificare e di tornare quasi certamente sui suoi passi. Tutto ciò non è invece possibile di fronte a un’ammonizione: tutti (tranne l’arbitro) hanno visto l’errore in diretta, ma nessuno è potuto intervenire. E al Var probabilmente si sono morsi la lingua, perché avrebbero voluto aiutare Rapuano e non potevano farlo”. Il giornalista invita al buon senso: “Perché l’obiettivo – senza poterli azzerare – dovrebbe essere quello di ridurre come detto gli errori. E perché le regole vanno sempre rispettate. Ma la prima da seguire dovrebbe essere sempre quella del buon senso”.

Pellegrini out per il derby, scatta la petizione

Intanto sui social impazzano le polemiche. Romanisti sul piede di guerra e pronti alla mobilitazione: “Non è possibile che il Var resti muto di fronte a un errore così evidente, i meccanismi di applicazione vanno rivisti”, scrive un fan. “Ormai il Var si è ridotto a un’esame minuziosissimo del fuorigioco e basta. Così che senso ha?”, si chiede un altro. E qualcuno lancia la petizione: “Così non Var: cambiamo il protocollo”. Qualcuno propone: “La soluzione è introdurre anche nel calcio la possibilità di un Var ‘a chiamata’ dalle panchine, come avviene in tutti gli altri sport”. E a chi risponde che così si perderebbe troppo tempo, qualche altro fa notare: “Perdite di tempo? Tra infortuni ogni due minuti, cooling break e altri controlli Var, il gioco è già bello che spezzettato al massimo anche adesso”.

SPORTEVAI

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...