Virgilio Sport

Dani Alves condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere per violenza sessuale: l'ex Juve pronto a fare ricorso

Arriva la sentenza del tribunale di Barcellona per il presunto stupro commesso nei bagni di una discoteca il 30 dicembre 2022: Dani Alves risarcirà la vittima con 150mila euro.

Pubblicato:

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

L’ex terzino della Juventus e del Barcellona Dani Alves è stato condannato a 4 anni e 6 mesi per violenza sessuale. Non solo: il brasiliano sarà inoltre sottoposto alla libertà vigilata per cinque anni. Questa la sentenza, arrivata nel corso della mattinata, del tribunale di Barcellona.

Caso Dani Alves: il brasiliano condannato per violenza sessuale

È di 4 anni e 6 mesi la condanna inflitta dalla sezione 12 del tribunale di Barcellona per il presunto stupro commesso nei bagni della discoteca Sutton della città catalana la notte del 30 dicembre 2022 ai danni di una ragazza di 23 anni. All’ex calciatore – uno dei più vincenti della storia – il giudice ha imposto anche cinque anni di libertà vigilata una volta scontata la pena. Inoltre è stata stabilita un’ordinanza restrittiva di 9 anni nei confronti della vittima e dovrà pagare un risarcimento di 150.000 euro. Dani Alves, che si trova in carcere da più di un anno, rimarrà dunque presso la casa circondariale di Can Brians 2.

Che cosa può fare Dani Alves dopo la sentenza di tribunale di Barcellona

Il sudamericano, che ha giocato anche una stagione in Italia con la maglia della Juventus, si è sempre professato innocente, sostenendo che il rapporto con la vittima fosse consensuale. La Procura aveva inizialmente chiesto una condanna di 9 anni a fronte di una pena massima di 12 in base all’articolo 179 del Codice Penale. Alla fine è arrivata una condanna di 4 anni e 6 mesi, con i legali dell’ex calciatore che hanno fatto leva sul fattore ubriachezza per ottenere uno sconto. Ad ogni modo la sentenza non pone fine alla vicenda. Già, perché tanto Dani Alves quanto la Procura, che si è comunque detta soddisfatta, hanno la possibilità di fare ricorso. Il brasiliano potrà appellarsi alla Corte Superiore di Giustizia della Catalogna e, in caso di ulteriore verdetto sfavorevole, alla Corte Suprema.

Condanna Dani Alves, perché non gli è stata concessa la libertà provvisoria

In prigione dal 20 gennaio 2023, a Dani Alves è stata a più riprese negata la libertà provvisoria. Questo perché sia la Procura che il giudice temevano l’alto rischio fuga del brasiliano a causa dalle disponibilità economiche dell’ex calciatore e dalla mancanza di un trattato di estradizione con il Brasile. Proprio nei giorni scorsi un compagno di cella ha confessato che se gli avessero concesso la libertà provvisoria Dani Alves “sarebbe andato in Brasile”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...