,,
Virgilio Sport SPORT

Dopo la festa, le offese: la denuncia del veronese Zaccagni

Putiferio social dopo la diffusione delle immagini dei festeggiamenti per il pari di Napoli: il centrocampista pubblica un grave insulto ricevuto.

24-05-2021 13:17

Polemiche e veleni, accuse e sospetti. Ma soprattutto offese e insulti beceri. L’ultima di campionato si è chiusa con una cocente delusione per il Napoli, costretto a dire addio alla Champions dopo il pareggio casalingo contro il Verona. E se il risultato a sorpresa maturato allo stadio Maradona (1-1 con reti di Rrahmani e Faraoni) non è stato di fatto commentato da alcun tesserato azzurro, visto il perdurante silenzio stampa interrotto solo dallo stringato Tweet di commiato di De Laurentiis al tecnico Gattuso, è stato invece celebrato pomposamente dal club scaligero sui propri canali social.

Verona, festa negli spogliatoi al Maradona

In campo era volata qualche parola tra le due panchine, soprattutto tra Gattuso e Juric che precedentemente aveva risposto anche a Manolas: “Cosa vuoi da me? Faccio la mia partita”. Poi a fine gara il tecnico gialloblu è andato su tutte le furie nel corso dell’intervista a Sky, abbandonando la postazione e apostrofando in malo modo il giornalista Massimo Ugolini. Ma il peggio è accaduto nelle ore successive, sui social, dopo che l’account ufficiale del Verona ha pubblicato una foto della squadra in festa negli spogliatoi dello stadio partenopeo, celebrando il decimo posto conquistato dalla squadra.

Offese e insulti a Zaccagni

Il Tweet è stato condiviso da vari calciatori del Verona, anche se la pioggia di complimenti più che dai tifosi gialloblu è arrivata dai sostenitori della Juventus. Tra chi ha condiviso il post c’è anche Mattia Zaccagni, che voci di mercato vorrebbero in procinto di trasferirsi proprio al Napoli. Ebbene, a commentarlo non ci sono stati soltanto i sostenitori del Verona o della Juventus, ma anche diversi tifosi del Napoli. Alcuni sarcastici: “Complimenti per la vittoria, ti aspettiamo a Napoli l’anno prossimo così giochi l’Europa League con noi”. Oppure: “Complimenti per il secondo scudetto del Verona, ora ti trasferirai a Napoli da campione d’Italia proprio come Garella nel 1985″. Altri un po’ meno: “Meglio che non vieni più a Napoli“.

Zaccagni e l’augurio di morte

Lo stesso Zaccagni ha pubblicato lo screenshot di una aberrante minaccia ricevuta in privato – “Ti deve venire un tumore maligno a te e tutta la tua famiglia e pure se avrai un figlio deve avere un tumore maligno al cervello” – aggiungendo un lapidario commento: “Complimenti”. La scorsa settimana la stessa scena si era già vista, ma con diversi protagonisti. Era stato il portiere della Fiorentina Terracciano a pubblicare minacce e insulti ricevuti sui social dopo la partita persa dalla sua squadra contro il Napoli, a opera di un sostenitore della Juventus.

 

SPORTEVAI

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...