,,
Virgilio Sport SPORT

F1 Gp Azerbaijan pagelle: Bottas studia da campione, Ferrari flop

La cronaca giro per giro del quarto gran premio della Formula uno 2019

Valtteri Bottas ha vinto il Gran Premio di Azerbaijan. Sulla pista di Baku battuto, come in Australia, Lewis Hamilton per la quarta doppietta Mercedes in altrettante gare. Il finlandese torna in testa al mondiale piloti con un punto sull’inglese. La Ferrari si consola con il podio di Sebastian Vettel non lontano dalle frecce d’argento ma mai in corsa per la vittoria. Quarto Max Verstappen su Red Bull, “solo” quinto Charles Leclerc che partiva nono e che si è ritrovato in testa a metà gara ma è naufragato dopo il cambio gomme con la consolazione del giro veloce nel finale. A punti Perez sesto con la Force India, le due McLaren di Sainz e Norris, nono Stroll con l’altra Force India. Decimo Raikkonen con l’Alfa Romeo con Giovinazzi 12°.

CLASSIFICA FINALE GP BAKU (51 giri): 1. Bottas; 2. Hamilton;  3. Vettel; 4. Verstappen; 5. Leclerc; 6. Perez; 7. Sainz; 8. Norris; 9. Stroll; 10. Raikkonen; 12. Giovinazzi.

Le Frecce d’argento dominano sempre di più la classifica costruttori più del doppio della Ferrari. Nella classifica piloti Bottas torna in vetta per un punto solo su Hamilton.

Le pagelle del Gp di Azerbaijan

A dispetto di chi lo considera lo scendiletto di casa Mercedes voto 10 e lode per la quarta doppietta, Bottas voto 10 vince di nuovo, si conferma dopo la pole e si candida sempre di più per fare il Rosberg della situazione in casa Mercedes e lottare per il titolo. Mastica amaro Hamilton voto 8 solo per i punti portati a casa ma sempre meno veloce del compagno a Baku, non è da lui. La Ferrari voto 5 è sempre più anonima per chi si aspettava fuoco e fiamme specie dopo le libere. Un podio di Vettel voto 7 di stima perchè resta aggrappato alle frecce d’argento ma quasi impotente. Voto 5 per Calimero Leclerc che stavolta manda tutto alle ortiche in qualifica e finisce con l’essere penalizzato in gara dalla strategia, sempre più Calimero perchè da sempre a Baku c’è stata la safety car, stavolta che lui ne aveva bisogno non c’è stato bisogno… Voto 8 al sempre più regolare Verstappen che resta terzo nel mondiale, altro che cavallo pazzo, il ragazzo ha messo la testa a posto in attesa di lottare per la vittoria.

RIVIVI LA DIRETTA LIVE DELLA GARA

Valtteri Bottas ha vinto il Gran Premio di Azerbaijan. Secondo Hamilton, terzo Vettel con la Ferrari, quarto Verstappen, quinto Leclerc con l’altra rossa. CLASSIFICA FINALE GP BAKU (51 giri): 1. Bottas; 2. Hamilton;  3. Vettel; 4. Verstappen; 5. Leclerc; 6. Perez; 7. Sainz; 8. Norris; 9. Stroll; 10. Raikkonen; 12. Giovinazzi

Eccolo il giro veloce di Leclerc che si prende un punto in più!

ULTIMO GIRO Bottas allunga e fa anche il giro veloce con drs di Russell nel punto giusto

-2 giri: Hamilton non riesce ad avvicinarsi più di tanto nel rettilineo d’arrivo con il drs

-3 giri: Hamilton vuole attaccare Bottas!

giro 48: Leclerc ai box, ecco la strategia per fare il giro veloce con gomma nuova. Intanto Hamilton è in zona drs con Bottas!

giro 47: Leclerc ha tirato i remi in barca, forse proverà a fare il giro veloce nel finale

ULTIMI 5 GIRI

giro 46: pronta risposta di Hamilton che si riavvicina a Bottas, 1″4 il distacco

giro 45: proprio mentre Hamilton prova a forzare arriva il giro veloce di Bottas che si andrebbe a prendere anche il punto addizionale.

giro 44: Hamilton a 2″ da Bottas; Vettel a 2″7 da Hamilton

giro 43: anche Vettel ha approfittato della VSC per prendere margine su Verstappen

giro 42: Bottas ha preso margine su Hamilton

giro 41: ripartiti, con Verstappen molto vicino a Vettel

giro 40: Virtual Safety Car dopo il ritiro di Gasly

giro 39: si ritira Gasly che era sesto e stava facendo una gran gara partito dalla pit lane

giro 39: la gomma morbida non sta andando bene su Leclerc che sta perdendo dagli altri con gomme vecchie

giro 38: Leclerc è a un’eternità dai primi, 20 secondi da Verstappen

giro 37: Hamilton è a 1″5 da Bottas, Vettel a 2″ da Hamilton

giro 36: arriva il sorpasso di Leclerc su Gasly, ora deve fare giri da qualifica

giro 35: Leclerc rientra dietro Gasly che fa il gioco di squadra Red Bull per Verstappen

giro 35: Leclerc finalmente ai box con gomme rossa morbida

giro 34: anche Vettel supera Leclerc che ancora non si è fermato. Giro veloce Verstappen

giro 33: Hamilton supera Leclerc

giro 32: giro veloce di Verstappen a 7″ da Vettel (ricordiamo che il giro veloce vale un punto)

giro 31: Ricciardo e Kvyat vanno lunghi in battaglia, solo bandiere gialle, no safety car

20 GIRI ALLA FINE! Bottas supera Leclerc ed è 1°

giro 30: scontro tra i primi 3 in testa, in rettilineo sarà gara di scie tra le Mercedes

giro 29: Leclerc, Bottas in zona drs, Hamilton quasi in drs di Bottas. Vettel è a 3″ dalle Mercedes

giro 28: sono oramai arrivate le Mercedes alle spalle di Leclerc, Bottas è a 2″ e ricordiamo il monegasco si deve ancora fermare

giro 27: uno sguardo in casa Alfa Romeo con Raikkonen 13° e Giovinazzi 16° ricordiamo costretti a partire dalle retrovie

giro 26, in zona punti: 6. Gasly, 7. Perez, 8. Norris, 9. Sainz, 10. Kvyat

giro 25: Bottas è a 4″ da Leclerc, Hamilton via radio ha detto di sentire qualche difficoltà nelle gomme

giro 24: i primi 4 sono racchiusi in 10 secondi

giro 23: è calato il ritmo di Hamilton che ha perso da Bottas e vede Vettel più vicino

giro 22: Bottas è a 6″ da Leclerc, poi ci sono 3″ tra il finlandese e Hamilton, tra Lewis e Vettel

giro 21: ricordiamo che Leclerc al momento, sulla carta. è l’unico che si deve fermare.

giro 20: si gioca sui tempi, stavolta è di Verstappen il giro più veloce ma ci sono 10 secondi su Vettel

giro 19: Hamilton sta recuperando a sua volta su Bottas, è a meno di 3″

giro 18: ancora giro veloce di Bottas che è a 10″ da Leclerc

giro 17: giro veloce prima di Bottas e poi di Hamilton. Ora le Mercedes stanno tornando a dettare il ritmo

giro 16: la risposta di Hamilton, giro veloce per l’inglese che tiene a bada Vettel

giro 15: Vettel quasi in zona drs con Hamilton!

giro 15: Verstappen ai box! Vettel ancora giro veloce ed è arrivato dietro Hamilton

giro 14: si ferma anche Hamilton con Leclerc che va in testa! Giro veloce di Vettel

giro 13: Bottas ai box, rientra 4° davanti a Vettel! Leclerc recupera 3″ su Hamilton!

giro 12: Vettel rientra 5° e Leclerc sta rimontando alla grande sulle Mercedes in crisi di gomme

giro 12: Vettel ai box per montare la gomme gialla

giro 11: Leclerc si è messo già in caccia di Vettel! 2″6 il ritardo del monegasco dal tedesco

giro 10: capolavoro Leclerc che svernicia senza problemi Verstappen ed è 4°

giro 9: tempone di Leclerc che recupera un secondo a tutti soprattutto a Verstappen, gli è quasi in scia!

giro 9: in top ten sorpasso in casa Mclaren con Sainz che supera Norris al 7° posto

giro 8: un’occhiata ai distacchi, Bottas ha 4″ su Hamilton; Vettel è a 6″ da Hamilton. Lecler velocissimo sta recuperando su Verstappen!

giro 7: si conclude la rimonta “facile” di Leclerc che supera anche Perez ed ora si ritrova all’inseguimento di Verstappen

giro 6: finalmente Verstappen supera Perez e si riprende la quarta posizione

giro 5: mentre le Mercedes volano, Vettel è staccato di oltre 5 secondi

giro 5: un sorpasso al giro per Leclerc che sul rettilineo supera anche Sainz ed è 7°

giro 4: Leclerc non vuole perdere tempo, supera Kvyat ed è 8°!

giro 3: Leclerc supera Ricciardo, è 9°

giro 2: partito maluccio con gomme medie Leclerc che ha perso una posizione e si ritrova decimo

giro 1: Bottas allunga su Hamilton e Vettel, già 2 secondi per il finlandese

PARTITI! Bottas resta davanti a Hamilton che lo ha affiancato per due curve. Vettel tranquillo terzo. Sorpresa di Perez che brucia dopo la prima curva Verstappen!

QUESTA LA GRIGLIA DI PARTENZA

PRIMA FILA
1. Valtteri Bottas (Mercedes)
2. Lewis Hamilton (Mercedes)
SECONDA FILA
3. Sebastian Vettel (Ferrari)
4. Max Verstappen (Red Bull)
TERZA FILA
5. Sergio Perez (Racing Point)
6. Daniel Kvyat (Toro Rosso)
QUARTA FILA
7. Lando Norris (McLaren)
8. Charles Leclerc (Ferrari)
QUINTA FILA
9. Carlos Sainz (McLaren)
10. Daniel Ricciardo (Renault)

SESTA FILA
11. Alexander Albon (Toro Rosso)
12. Kevin Magnussen (Haas)

SETTIMA FILA
13. Lance Stroll (Racing Point)
14. Romain Grosjean (Haas)

OTTAVA FILA
15. Nico Hulkenberg (Renault)
16. George Russel (Williams)
NONA FILA
17. Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) *sconta dieci posizioni di penalità

DALLA PIT LANE
Pierre Gasly (Red Bull)
Robert Kubica (Williams)
Kimi Raikkonen (Alfa Romeo)

Tutto pronto sulla griglia di partenza, i meccanici stanno togliendo le termocoperte. Tutto pronto per il giro di formazione che parte ora

Entriamo negli ultimi 5 minuti prima del via, potrebbe essere la gara del riscatto di Sebastian Vettel? Finora inizio di stagione opaco per il tedesco che deve riscoprire le stimmate del 4 volte campione del mondo. Parte dietro le due Mercedes.

A deludere più di tutti in casa Ferrari è stato Charles Leclerc che aveva nel piede la pole ma che è andato a sbattere in Q2. Partirà 9° ma con gomme gialle rispetto agli altri con gomme morbide. Sarà la strategia giusta sperando in una o più safety car? Leclerc intanto si è dato la croce addosso, qui le sue parole

Meno venti minuti alla partenza: la Ferrari prova l’ennesima rimonta dopo l’ennesima delusione in qualifica nonostante le prove libere fossero incoraggianti. Qui le parole di Mattia Binotto team principal di Maranello

Le monoposto stanno lasciando la pit lane per raggiungere la griglia di partenza. Manca mezz’ora allo start!

Cominciamo subito con una notizia dalla griglia di partenza: l’ala dell’Alfa Romeo di Raikkonen flette troppo, anche Kimi parte dalla pitlane. L’ala anteriore della C38 di Iceman non ha superato le verifiche tecniche dei commissari FIA. Annulati i tempi delle qualifiche, il finlandese scatterà ultimo. Una vera iattura per l’Alfa visto che già il nostro Antonio Giovinazzi dopo l’ottimo ottavo posto di ieri in qualifica partirà 18° per la sostituzione della centralina.

Amici sportivi di Virgilio buona domenica e benvenuti alla diretta live del Gran Premio di Azerbaijan. Sulla pista di Baku si corre la quarta prova del Mondiale di Formula 1 2019! Start alle 14:10 ora italiana con Bottas in pole position, Hamilton al suo fianco, la Ferrari di Vettel in terza posizione e un Leclerc nono atteso ad una grande rimonta. Dopo le tre vittorie Mercedes in altrettante gare dall’inizio del campionato, la Ferrari è ancora alla ricerca del primo successo della stagione.

Griglia di partenza, così le qualifiche

Valtteri Bottas un po’ a sorpresa si è preso la pole position nel GP dell’Azerbaigian. Il finlandese della Mercedes ha battuto di un soffio il compagno di team Hamilton (+ 0”059) per una prima fila tutta argento. Terza piazza per la prima Ferrari, quella di Sebastian Vettel, mentre solo nono posto in griglia per l’altra Rossa di Leclerc, finito a muro durante il Q2 dopo aver dimostrato nelle prove libere di valere la pole. Al fianco di Seb, in seconda fila, scatterà Verstappen con la Red Bull. Qui il nostro report delle qualifiche di Baku.

Mondiale F1, la situazione

Attualmente le Frecce d’argento dominano la classifica costruttori con 130 punti, quasi il doppio della Ferrari che ne ha soli 73. Nella classifica piloti invece grazie al doppio successo in Baharain e in Cina il campione del mondo in carica Lewis Hamilton con 68 punti si è preso la testa del Mondiale superando il compagni di team Valtteri Bottas che aveva vinto in Australia, a quota 62. Lontanissimi i ferraristi protagonisti di un avvio complicato: Sebastian Vettel  ha appena 37 punti, solo uno più del sempre più scalpitante Charles Leclerc, ma prima di loro c’è il quanto mai regolarissimo Max Verstappen su Red Bull a 39.

Caratteristiche del Gp di Azerbaijan a Baku

Baku è il circuito cittadino più giovane del calendario di Formula 1, che si aggiunge a Monaco, Melbourne e Singapore. Il primo Gran Premio a Baku si è tenuto nel 2016, con denominazione di Gran Premio d’Europa, e ha visto la vittoria di Nico Rosberg su Mercedes. Già l’anno dopo però è diventato Gran Premio di Azerbaigian. Una gara incredibile quella del 2017 che ha visto diversi capovolgimenti in testa con la vittoria finale di Daniel Ricciardo allora su Red Bull davanti a Valtteri Bottas e la Williams di Lance Stroll. Ma quella gara verrà ricordata per il litigio in corsa tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel dietro la Safety Car con l’inglese che con le sue frenate fece innervosire il tedesco che lo chiuse verso le barriere con tanto di penalizzazione. Lo scorso anno ad imporsi fu lo stesso Hamilton. Per quanto riguarda le gomme, la Pirelli porta in Azerbaijan gli stessi compound visti in Australia: C2 hard bianca, C3 medium gialla e C4 soft rossa, con una differenza prestazionale dalla più dur alla più tenera stimata in nove decimi.

SPORTEVAI | 28-04-2019 13:00

F1 Gp Azerbaijan pagelle: Bottas studia da campione, Ferrari flop Fonte: Ansa

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...