Virgilio Sport

F1, Toto Wolff non ci sta: "Basta distruggere il regolamento"

Il team principal di Mercedes Toto Wolff ci va giù pesante sulle ultime novità regolamentari in F1, critico sulla direzione che il Circus sta prendendo.

Pubblicato:

F1, Toto Wolff non ci sta: "Basta distruggere il regolamento" Fonte: Getty Images

Toto Wolff, dall’alto del suo status di Team Prinicpal della scuderia che per anni ha dominato la F1, ovvero la Mercedes, torna ad attaccare la direzione che questo sport sta imboccando sotto la gestione di Liberty Media. Più passa il tempo, avvicinandoci alla fine del Mondiale, e più tutti i team si concentrano sulla stagione 2022, anno di una rivoluzione tecnica che stravolgerà le vetture e il modo in cui siamo abituati a guardare il circus. Già quest’anno, però, abbiamo assistito a novità importanti, prima tra tutte la Sprint Qualyfing, che vedrà il suo terzo atto (l’ultimo per questa stagione) in Brasile, sul circuito di Interlagos. 

Questo nuovo tipo di qualifica ha diviso un po’ tutti tra spettatori e addetti ai lavori, tra chi ha accolto la novità con favore (Mattia Binotto uno di questi) e chi, invece, non è ancora del tutto convinto, come lo stesso Wolff. Un’altro progetto in fase di discussione è invece la Reverse Grid (di cui si era già parlato nel corso delM mondiale 2020), davvero molto criticato dai più.

Le perplessità di Toto Wolff derivano dall’introduzione di cambiamenti sostanziali nel regolamento che, a detta, sua modificano l’essenza stessa della F1, facendo prevalere sempre di più l’aspetto mediatico, il business, sulla competizione sportiva. Queste le sue parole a GP Fans:

“In precedenza abbiamo resistito ad alcuni esperimenti perché erano del tutto controversi, ed andavano contro gli standard di questo sport. La vera competizione è quella in cui gli spettatori sanno che vince il miglior pilota o la miglior macchina, e già quest’anno si possono vedere più squadre che sono competitive e che lottano per le posizioni di vertice. Qualunque siano le decisioni che prenderemo con i team, la FIA, la FOM e la commissione della F1, a prescindere dal fatto che proseguiremo su questa o altre strade, le scelte andranno prese con molta attenzione. Non penso che sia il caso di colpire il regolamento con una mazza da baseball, abbiamo troppa responsabilità per il nostro sport e non dobbiamo fare freestyle con i cambiamenti regolamentari”.

Concludendo sul Brasile, GP che si disputerà il 14 novembre, Wolff sottolinea come solo allora si potranno tirare le somme della Sprint Qualyfing, sottolineando come: “se Interlagos si rivelerà una gara emozionante allora forse ci sarà la voglia di continuare. Per ora, però, questi esperimenti sono stati quantomeno confusi“.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...