,,
Virgilio Sport SPORT

Fattore Tuchel per il Chelsea: numeri da record e finale

Thomas Tuchel ha rivoluzionato la stagione del Chelsea dopo il suo arrivo: difesa impenetrabile e cinismo ai massimi livelli tra i suoi diktat.

Terza finale di Champions League della sua storia per il Chelsea, tutte arrivate con tecnici subentrati: nel 2008 toccò a Grant guidare i ‘Blues’ fino all’ultimo atto, mentre nel 2012 Di Matteo riuscì addirittura a conquistare la coppa ai danni del Bayern Monaco. Ora la copertina è tutta di Thomas Tuchel.

Giunto a Londra qualche settimana dopo essere stato silurato dal PSG, il tecnico tedesco ha fin da subito trasmesso il proprio credo alla rosa londinese: tra i punti cardine troviamo la solidità della difesa, certificata dalle sole 10 reti prese in 24 partite, con ben 18 clean sheet all’attivo.

32 i goal realizzati, a dimostrazione del cinismo acquisito dal Chelsea da gennaio in poi, punto di svolta della stagione: da quel momento la storia ha preso una piega decisamente diversa grazie a Tuchel, artefice della risalita della squadra in Premier League (dove attualmente occupa il quarto posto) e del bel cammino offerto in Europa e in FA Cup, dove si giocherà la vittoria del trofeo in finale col Leicester.

Una dimostrazione di forza assoluta, testimoniata dai successi di lusso conquistati in poco meno di cinque mesi: tra le vittime eccellenti di Tuchel vi sono Zidane, Guardiola, Simeone, Ancelotti, Klopp e Mourinho, tutti battuti nonostante il ‘dettaglio’ dell’aver assunto la guida della squadra a metà stagione e non in estate.

Forse ora si starà mangiando le mani il PSG, ironia della sorte eliminato in semifinale dal Manchester City: Tuchel, però, preferisce non parlare di rivincita nei confronti del suo ex club, concentrandosi piuttosto sul lato positivo dell’esperienza londinese. “Non è una rivincita, sono grato per tutte queste esperienze che mi stanno consentendo di allenare grandi squadre come PSG e Chelsea. Questo è un club vincente, mi fa piacere aver raggiunto la finale”.

Sebbene l’ultimo atto di Istanbul debba ancora giocarsi, Tuchel nella storia c’è già entrato dalla porta principale: è infatti il primo allenatore a raggiungere due finali di Champions League di fila al timone di due squadre diverse.

Intanto Mason Mount, autore del definitivo 2-0 di ‘Stamford Bridge’, ai microfoni di ‘CBS Sports’, ha risposto per le rime a Toni Kroos che, alla vigilia, aveva raccontato di “non aver mai perso il sonno a causa degli avversari” prima di partite così importanti. “Forse dovrebbe perdere il sonno a causa nostra, pensando alla nostra squadra”.

OMNISPORT | 06-05-2021 10:36

Fattore Tuchel per il Chelsea: numeri da record e finale Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...