,,
Virgilio Sport SPORT

Federica Pellegrini, la ripresa e le Olimpiadi: l'annuncio

La campionessa veneta, Federica Pellegrini, illustra il suo rapporto con il nuoto dopo l'emergenza e lo stop forzato e gli obiettivi: Tokyo e poi ritiro

Nella abnorme incertezza di questi giorni, scaturita dall’emergenza coronavirus con i suoi strascichi a livello di stagione, anche quanto asserito con una certa convinzione da parte di Federica Pellegrini assume un significato nuovo. Il suo prima aveva delle scadenze che non collimano perfettamente con quanto dichiarato nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, in cui la Divina ha ammesso la volontà di affrontare la sfida delle Olimpiadi di Tokyo e poi ritirarsi. Sono i Giochi a definire i tempi dell’addio alla vasca, dunque. Compatibilmente con il quadro che si va profilando.

Le sensazioni di Federica Pellegrini: Olimpiadi e non solo

Federica ha 31 anni compiuti, ha vinto il possibile nonostante e anche grazie ad allenatori diversi, ambienti e stili di preparazione che si sono alternati nel corso della sua vita agonistica. Anche quando sembrava che le cose non volgessero al meglio, è ricomparsa lei, in una nemesi senza uguali: l’araba fenice che porta tatuata sul suo corpo.

Dopo Tokyo, Federica vorrebbe smettere e così ha detto in questa intervista alla vigilia di importanti appuntamenti. “Continuare fino al 2022? Nooo! Mi volete vedere morta? No, riparto da settembre e cercherò di spremere tutto quello che potrò spremere, poi non ne avrò proprio più, ho la benzina in esaurimento…”. “Cerco di essere ottimista – ha spiegato – se penso che tra cinque mesi siamo punto a capo, la motivazione di andare all’allenamento e spaccarti viene meno. Anzi, manca. Perciò provo ad essere ottimista, lo sono di base. Se ne sentono di tutti i colori in questi giorni, a cominciare dal Giappone che non vuole più le Olimpiadi l’anno prossimo. Speriamo non sia così”.

Federica Pellegrini e l’appuntamento con il Settecolli

La campionessa veneta si sta allenando in altura a Livigno in vista delle prime gare stagionali: “Il Settecolli sarà come rimettersi il costume da gara, niente di più. Siamo stati fermi tra le sei settimane e i due mesi e questo ci ha condizionato tanto. Rimettersi in moto con certe andature è stato difficile. Non siamo completamente a regime. La gara tricolore è un punto di partenza, un test di verifica. Non vado in quota per sfinirmi. A quasi 32 anni devo cercare un equilibrio tra il lavoro, da fare al meglio di come abbia mai fatto, e il riposo. Solo così posso dare poi il massimo”.

Il 2020 passerà come l’anno senza podi, strano per una che vince da 16 anni: “È strano, ma non importa: chi pensa alle medaglie adesso, visto tutto quello che è successo? Ci siamo adattati, abbiamo capito e speriamo non ci siano ricadute globali e che si vada verso la normalità”, ha aggiunto.

Il pensiero per Alex Zanardi: la Pellegrini tifa per lui

Come tutti noi, Federica ha nel cuore un grande modello di sport e di vita, Alex Zanardi: “Quando ho saputo dell’incidente, mi è crollato il mondo addosso, come a tutti gli italiani. Alex aveva già avuto un incidente devastante che l’ha portato a cambiare totalmente vita. Ha sempre combattuto e non ha mai mollato. Non se lo meritava proprio. Tutti tifiamo per lui. Sono davvero molto vicina alla moglie, penso non siano giorni facili per lei. Speriamo bene”.

VIRGILIO SPORT | 14-07-2020 11:41

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...