Virgilio Sport

Ferrari, Leclerc in "quarantena" sul surf: tifosi italiani divisi

Le foto al mare del pilota monegasco hanno scatenato un po' di polemiche in rete. Giusto o sbagliato?

Pubblicato:

Ferrari, Leclerc in "quarantena" sul surf: tifosi italiani divisi Fonte: Ansa/TWitter

Le foto di Charles Leclerc al mare, a fare surf, mentre la Formula 1 è in pieno lockdown e tutta l’Europa sta facendo i conti con l’emergenza coronavirus, hanno fatto un po’ sorridere e al tempo stesso discutere soprattutto in Italia i tifosi della Ferrari. Forse una piccola caduta di stile del pilota monegasco.

Senza F1 liberi tutti. Questa mattina si sarebbe dovuto correre il Gran Premio di Australia, prima prova del Mondiale di Formula 1 invece cancellata a causa del coronavirus arrivato fin qui a Melbourne e che ha colpito direttamente il circus con un caso positivo nel team McLaren. Da lì, a poche ore dal via delle prime prove libere la decisione di non correre, nemmeno le prime tre gare. Con ripercussioni sul calendario che si spera di poter recuperare, magari in estate, secondo la bozza di Ross Brawn.

Mentre alcuni piloti sono tornati a casa, Charles Leclerc è rimasto a godersi il sole australiano. E ha postato le sue foto intento a cercare di domare le onde col suo surf nel mare di Victoria. Foto poi postate sui social con tanto di messaggio: “Oggi era più una questione di nuoto che di surf, ma è stato molto divertente! A proposito non ingrandire il mio viso sulla prima foto, grazie”.

Ferraristi delusi. E se in buona parte dei tanti tifosi da tutto il mondo hanno scherzato e fatto battute sulle difficoltà di Leclerc a trovarsi a suo agio sulla tavola da surf, in molti tifosi italiani, ferraristi e non, hanno sottolineato come, forse, il postare quelle foto, mentre in Italia, patria della Ferrari, si lotta tra la vita e la morte, non sia stata una grande idea da parte di Charles.

Bene bravo” ha scritto un tifoso italiano ma in modo ironico postando le foto degli infermieri e dei medici che tutti i giorni, stremati, lottano per salvare le vite umane in Italia; ma c’è chi ha difeso il pilota della Ferrari: “Quindi? Non ho capito il punto. Non credo proprio che il suo dovere sia stare in corsia, così come i medici non guidano le auto di formula 1. Anche basta con sto qualunquismo, onore a medici e infermieri non significa disonore a chiunque altro”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...