,,
Virgilio Sport SPORT

Ferrari, test Fiorano day 1: un Alesi torna in rosso

La prima giornata di test a Fiorano è stata emozionante per Giuliano Alesi e gli altri. Martedì tocca a Leclerc, mercoledì a Sainz

Trent’anni dopo Jean un Alesi è tornato a guidare una Ferrari di Formula 1. E’ stato sicuramente uno dei momenti più importanti della prima giornata di test del team di Maranello. Sono iniziati oggi infatti i cinque giorni di prove a Fiorano per la Scuderia Ferrari, con sette piloti coinvolti. Inizio “soft” con tre piloti della Ferrari Driver Academy: Giuliano Alesi, figlio di Jean sotto gli occhi proprio del padre, Marcus ArmstrongRobert Shwartzman. Martedì si inizia a fare sul serio con Charles Leclerc che poi lascerà il sedile, mercoledì, a Carlos Sainz jr. In serata la nota ufficiale della Ferrari ha dato riscontro della prima giornata di test con la SF71H 2018.

Giuliano dopo Jean Alesi, la storia si ripete. 

Il primo a mettersi al volante è stato Giuliano Alesi, a poco più di 30 anni dal primo test del padre Jean con la Scuderia, al volante di una F1-90. Giuliano è uscito dai box un minuto dopo le 10. Il 22enne francese sfoggiava il numero 28 sulla sua vettura, proprio come faceva suo padre quando guidava per la Ferrari nel 1991 (poi avrebbe portato il 27). Giuliano all’inizio ha adottato un approccio cauto a causa della pista umida e del freddo, ma per la sua seconda manche, l’auto è stata dotata di slick e il francese ha gradualmente accelerato. Un Jean eccitato era a presente ai box senza mai staccare gli occhi dalla Ferrari con suo figlio a bordo. E’ stata davvero una giornata speciale per Giuliano quella odierna che ha concluso in maniera indimenticabile il tempo del francese con la FDA, mentre si prepara alla sua prossima mossa che lo vedrà affrontare un importante programma di gare in Asia.

Queste le parole di Giuliano Alesi sul sito ufficiale della Ferrari: “Vorrei ringraziare la Ferrari e la FDA per questa fantastica opportunità oggi. Riuscire a entrare nell’abitacolo della SF71H è stato incredibilmente emozionante, così come guidare la macchina in pista con mio padre che guardava e sfoggiava lo stesso numero di gara che usava. In termini di maneggevolezza, l’auto non è troppo difficile da guidare, ma la potenza è sorprendente e sembra non finire mai. Anche l’immediatezza e l’efficienza della frenata sono impressionanti. Questo test è stato il miglior modo possibile per dire addio alla Ferrari. Ora una nuova avventura mi aspetta in Asia e non vedo l’ora che inizi” 

Il debutto di Marcus Armstrong

Poco dopo le 11 è toccato ad un altro esordiente su una rossa di F1, il giovane Marcus Armstrong reduce da due podi in Formula 2 lo scorso anno, mentre nel 2021 correrà con il team DAMS. Marcus è così diventato il secondo neozelandese in assoluto a guidare una Ferrari di Formula 1, dopo Chris Amon, che ha corso per la Scuderia dal 1967 al 1969, vincendo anche, con Lorenzo Bandini, la 24 Ore di Daytona e la 1000 Km di Monza. Marcus ha corso con il suo numero 9.

Così il giovane neozelandese su ferrari.com“Ovviamente questo è stato un giorno speciale nella mia vita ed è andato esattamente come mi sarei aspettato. Ciò non significava che mi divertissi di meno! Essere al volante di un’auto di Formula 1 per la prima volta è sempre qualcosa di magico e quando l’auto è una Ferrari, allora è davvero indimenticabile. La gente dice sempre che l’aspetto più impressionante è la frenata e così è stato, ma anche il carico aerodinamico, la velocità in curva, lo sterzo, la potenza e il cambio di marcia perfetto sono tutti su un pianeta diverso rispetto all’altro categorie di corse. Vorrei ringraziare la Ferrari e la FDA per aver reso possibile questa giornata e non vedo l’ora di tornare di nuovo su una vettura di Formula 1 in futuro”.

La consistenza di Robert Shwartzman

L’ultimo a scendere in pista nel pomeriggio è stato Robert Shwartzman che aveva già guidato una Ferrari, addirittura quella del 2020, per 129 giri della pista di Yas Marina nel Young Driver Test del 15 dicembre scorso ad Abu Dhabi. Il russo ha sfoggiato il numero 35 sull’auto. Secondo motorsport.com Robert ha girato in 57”7 (preso manualmente), il tempo più veloce della giornata, considerando anche il clima, che è già molto più basso del 58”31 con cui si presentò nella sessione di settembre.

“Guidare una Ferrari di Formula 1 è sempre un privilegio e devo ammettere che stavo iniziando a sentire la mancanza – ha detto Shwartzman – oggi, insieme al team, abbiamo lavorato a un programma volto a migliorare la mia capacità di fornire feedback agli ingegneri e spero Ho fatto un buon lavoro facendo quello che mi era stato chiesto. Quanto a me, questo è stato il miglior modo possibile per tornare a guidare nel nuovo anno. Mi sono subito sentito a mio agio in macchina e con la squadra visto che non era passato nemmeno un mese dall’ultima volta e il feeling era buono per tutti i giri che ho fatto. Ora è il momento per me di concentrarmi sul campionato di Formula 2 con il team Prema, ma spero di avere un’altra opportunità per sedermi di nuovo su una Ferrari il prima possibile”.

SPORTEVAI | 25-01-2021 22:19

Ferrari, test Fiorano day 1: un Alesi torna in rosso Fonte: Ferrari

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...