SPORT
  1. Home
  2. CALCIO
  3. SERIE B

Furia Lotito contro l'arbitro, incursione negli spogliatoi

Tensione altissima in casa Lazio durante e dopo la partita pareggiata contro il Torino: nel mirino la direzione di Irrati.

Per buttarla sul ridere si può dire che le partite casalinghe contro il Torino non portano bene alla Lazio. Un anno fa di questi tempi, il 2-1 dei granata guidati in panchina da un grande ex come Sinisa Mihajlovic fece andare su tutte le furie Simone Inzaghi, il ds Tare, il presidente Lotito e i tifosi a causa dell’arbitraggio di Giacomelli che espulse Immobile senza concedere un rigore solare ai capitolini.

La scena si è ripetuta nell’ultima partita del girone d’andata e del 2018, che ha visto i biancocelesti non andare oltre l’1-1, rimediato peraltro nella ripresa grazie ad un gol del ritrovato Milinkovic-Savic, che ha risposto al rigore trasformato da Belotti nel recupero del primo tempo e concesso dall’arbitro Irrati per un contatto tra lo stesso capitano granata e Marusic. Contatto veniale, ma punito, per la rabbia di tutto lo stadio.

Proprio il fatto che l’episodio sia avvenuto sul finire del primo tempo ha scatenato la reazione del presidente Claudio Lotito, che non è riuscito a trattenersi al punto da fare avvicinarsi allo spogliatoio dell’arbitro durante l’intervallo. A riportare la notizia è 'La Gazzetta Sportiva', che descrive anche lo stupore e l’inquietudine dello stesso Irrati, che ha prontamente invitato Lotito ad andarsene. Cosa avvenuta, ma non in modo… pacifico, se è vero che il massimo dirigente laziale ha sfogato la propria rabbia a parole. Il tutto, peraltro, è avvenuto sotto gli occhi degli ispettori federali. Possibile sanzione in vista quindi per Lotito, che al termine della partita non ha parlato, a differenza del tecnico Inzaghi e del ds Tare che, fuori Italia per lavoro, si è affidato ad una nota molto risentita: “È uno scandalo, sono sconcertato. Se la Lazio dà fastidio basta saperlo. Dopo tutti i torti dell’anno scorso ora si ricomincia. Non si può andare avanti così”.

La Lazio lamenta anche la mancata concessione di un rigore nel secondo tempo per un fallo su Acerbi, in una dinamica molto simile a quella del penalty concesso al Torino: “Nel primo tempo abbiamo dominato e il Toro sarebbe dovuto restare in dieci dopo mezzora per l’espulsione di Izzo – il commento di Inzaghi – Gli episodi hanno condizionato la gara. Non vorrei parlarne, ma fischiare un rigore così contro, quando poi ce n'era uno netto su Acerbi”.

SPORTAL.IT | 30-12-2018 16:15

Furia Lotito contro l'arbitro, incursione negli spogliatoi
Lazio-Torino 1-1 - Serie A 2018/2019
Fonte: Getty Images

SPORT TREND