Virgilio Sport

Ginnastica Ritmica, il numero uno della Federazione rompe il silenzio

Gerardo Tecchi, numero uno della Federazione di Ginnastica ha parlato a Corriere della Sera di quanto sta accadendo nel mondo della ritmica

Pubblicato:

Sta succedendo di tutto in questi giorni con il mondo della Ginnastica ritmica, travolto da denunce e dallo scandalo di ex atlete che hanno annunciato abusi di natura verbale e psichica. Dopo la prima confessione, quella di Nina Corradini si è sollevato un vero e proprio polverone.

Ginnastica Ritmica, parla il numero uno della Federazione Gerardo Tecchi

In una lunga intervista a Corriere della Sera ha rotto il silenzio il numero uno della Federazione Italiana, Gerardo Tecchi che ricopre questo ruolo dal 2017. In settimana, Tecchi, ha anche preso parte a un vertice con il ministro Abodi e il Presidente del Coni, Giovanni Malagò. «Sono allibito, inca… issimo. Ho due figlie che hanno fatto ginnastica, ho allenato squadre di pallavolo in serie A. Ho pensato cosa avrei provato se fossero state le mie figlie a soffrire così. Concordo col ministro Abodi: nessuna medaglia vale il benessere di una persona. Non sono disposto ad accorgimenti o a scorciatoie per arrivare. Per arrivare dove, poi? A rovinare le persone? O i traguardi si raggiungono in un certo modo, o non si raggiungono. Niente di simile sarà più accettato, l’obiettivo è arrivare a zero casi. Zero».

Ginnastica Ritmica, il commissariamento di Desio

Come noto, dopo le varie denunce sono arrivati i primi provvedimenti. Tra questi il commissariamento dell‘Accademia di Desio, centro federale della Ritmica e casa delle Farfalle. «Il commissariamento era un atto dovuto per togliere la gestione del centro allo staff tecnico e affidarla al vicepresidente vicario Valter Peroni che andrà lì costantemente a controllare. Poi inseriremo un’altra persona, con competenze di psicoterapia, che si relazionerà con le ragazze. Ho parlato con la CT Emanuela Maccarani, anche lei è allibita, mai si sarebbe immaginata una simile situazione. Chiariamo: le sono stati tolti i poteri di gestione del centro, ora va lì solo per allenare, l’aspetto tecnico non è stato toccato. Io credo alle ragazze, ma sono in corso le indagini della procura federale, noi vogliamo essere garantisti: poi quando saranno accertate le responsabilità interverremo in maniera durissima: che si tratti della grande allenatrice o dell’ultima. Il nostro errore è stato consentire che le stesse persone avessero troppo spazio: non esiste che i tecnici controllino il peso, ci sono altre figure per questo, il medico, il nutrizionista».

Ginnastica, il parere di Tecchi sulla questione peso

Un mea culpa in parte, quindi, da parte del Presidente della Federginnastica sulla questione peso. Il numero uno ha aggiunto: «Tutti gli sport, in misura diversa, hanno a che fare con il controllo del peso. Se so che per essere Farfalla devo rispettare certi canoni e ho la forza di farlo bene, altrimenti posso fare ginnastica a livelli più bassi con soddisfazione. Il punto è se questo tema viene accompagnato da forme di derisione, da umiliazioni: è inaccettabile. Per esempio mai il peso in pubblico. Quando allenavo nella pallavolo due cose non facevo mai: pesare le atlete e far lavorare loro con i pesi. Servono professionisti, sennò si fanno danni. C’è anche un problema di emulazione, nelle società si vuole imitare il centro. Ma qui c’è stato un grave errore: dovevamo essere più presenti, lo saremo. È finita questa stagione, l’obiettivo è i zero casi. Meglio una medaglia di meno, ma avere solo gente contenta di aver fatto ginnastica, con il proprio peso».

Tags:

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...