,,

Virgilio Sport

Giusy Versace scrive una lettera struggente a Manuel Bortuzzo

07-02-2019 11:31

Giusy Versace scrive una lettera struggente a Manuel Bortuzzo Fonte: ANSA

Giusy Versace ha scelto di scrivere a Manuel Bortuzzo, il fratello, il figlio e l’amico di tutti dopo l’orribile attentato di cui è rimasto vittima. Ha scelto la forma della lettera aperta per esprimere il suo dolore, rinnovato a causa della comune sorte capitata ad entrambi.

L’atleta paralimpica è rimasta vittima di un incidente stradale sulla Salerno-Reggio Calabria, a seguito del quale perse le gambe. “Ho il cuore straziato nel vedere un ragazzo bello come il sole, di soli vent’anni, nelle tue condizioni: appena ho letto la notizia, ho rivissuto la stessa rabbia, lo stesso sconforto e lo stesso terrore che avevo visto negli occhi dei miei cari, quando toccò a me”, si legge su Quotidiano.net.

“Proprio perché io ci sono passata, sento di poterti dire una cosa”, scrive, “con tanta pazienza, forza di volontà, e grande fede anche tu saprai trasformare il dolore. Lo affronterai e ti rialzerai più forte di prima”.

Anche per Giusy i momenti difficili si sono accavallati: “Quando ho avuto l’incidente nel quale ho perso le gambe, credevo di non farcela ma col tempo ho scoperto una forza che non sapevo di avere e che ha sbalordito anche me. Non pensavo che avrei realizzato tutte le cose che mi sono riuscite, e invece… Era il 2005: cinque anni dopo ho partecipato ai campionati italiani di atletica leggera fino ad arrivare a finale olimpica a Rio 2016”. Manuel inseguiva il suo sogno, quello di gareggiare ad alti livelli e il trasferimento a Roma da Treviso era il primo passo.

“L’importante è riaprire gli occhi, non mollare mai, continuare a lottare, a sperare, a pregare. Nei giorni più difficili – ha ricordato nella lettera Giusy -, a me la fede ha sempre dato tanta forza e mi ha aiutato a non arrendermi anche quando c’era gente che non pensava che ce l’avrei fatta. Mi sento molto coinvolta dalla tua vicenda perché anche tu, come me, hai avuto la forza di lasciare casa per inseguire il tuo sogno sportivo e ti sei trasferito in un’altra città…La vita è un dono, perdere quella sarebbe la vera tragedia. Tutto il resto si affronta, poco per volta e mai da soli. L’importante è che tu e i tuoi cari sappiate evitare di farvi schiacciare dal dolore, perché chiudersi in se stessi non porta a nulla”.

VIRGILIO SPORT

Leggi anche:

Caricamento contenuti...