Virgilio Sport

Calabria a 'DAZN': "Inter? Giocare con o senza Ibra cambia molto"

Davide Calabria è stato intervistato da 'Dazn' per il nuovo format 'aBCd-Punti di vista' a pochi giorni dal derby di Milano.

Pubblicato:

Calabria a 'DAZN': "Inter? Giocare con o senza Ibra cambia molto" Fonte: Getty Images

Stiamo entrando finalmente in clima derby, con Inter e Milan che si sfideranno questo sabato pomeriggio a San Siro. Intervistato da DAZN per il nuovo contenuto ‘aBCd-Punti di Vista’, il terzino destro rossonero Davide Calabria racconta le proprie emozioni prima di questa grande sfida, ripercorrendo anche le sfide del passato:

“Essendo cresciuto con questa maglietta addosso sicuramente era un giorno speciale. Tutta la mia famiglia è milanista. Mi ricordo delle grandissime squadre che c’erano ai tempi di Ancelotti e Allegri. Io sono cresciuto con quel Milan, con quei grandissimi giocatori e per un tifoso rossonero è stato un periodo bellissimo”.

Un ricordo anche sul primo derby giocato: “l primo derby che ho giocato dovrebbe essere quello dell’era cinese, alle 12.30. Mi ricordo che quando abbiamo letto derby alle 12.30 abbiamo detto che forse era il primo derby della storia a quell’orario. È stata una bella partita comunque, perdevamo 2-0 e poi abbiamo pareggiato al 97′ con Zapata, in cui, tra l’altro, ero uscito in quel momento. È stata una bella emozione, c’erano tantissimi tifosi. Quell’acrobazia lì è un bel ricordo…”.

Il discorso ritorna poi sulla sconfitta maturata con lo Spezia con l’incredibile errore dell’arbitro Serra: “I campionati si vincono in quelle partite, quando sembra che non funzioni qualcosa invece poi all’ultimo porti a casa i tre punti. Sono sicuro che con il pubblico avremmo avuto una marcia in più, infatti non è un caso che si parla di dodicesimo uomo”.

Importantissimi per Calabria sono i tifosi allo stadio: “I tifosi creano davvero un’atmosfera eccitante. Entri allo stadio e ti senti galvanizzato dal pubblico. Averli o non averli è tutta un’altra partita. Ovvio che rimane sempre un derby ed è una partita fondamentale, ma avere anche tutto quel contorno è una cosa che auguro di vivere”.

Infine una parola su Theo Hernandez, Leao e il totem Ibra:

“Sono giocatori giovani ma che hanno veramente tantissimo talento. Probabilmente si stanno accorgendo ora del loro talento, ma penso che possano diventare in futuro due top player nei rispettivi ruoli. In fase difensiva stanno lavorando bene e credo che fosse quello che mancava. Stanno migliorando e come squadra ci stanno dando una grossa mano […] Ibra è un giocatore forte che attira su di sé le attenzioni della difesa. Averlo o non averlo cambia e se gioca a questi livelli a quest’età è sempre meglio averlo dalla propria parte che contro”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...