Virgilio Sport

La nuova Juventus, Cobolli Gigli elogia Andrea Agnelli e accusa: "Ronaldo fu errore"

L'ex presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli, difende l'operato di Andrea Agnelli e indirettamente imputa ai suoi collaboratori, tranne Marotta, l'inizio della fine coinciso con Cristiano

18-01-2023 16:00

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Nella giornata decisiva, per il nuovo corso della Juventus, oltre al passaggio di consegne tra il dimissionario Andrea Agnelli e il neo presidente Gianluca Ferrero, è stato annunciata la decisione da parte di AA di rinunciare alle sue cariche in seno alle società del gruppo, ovvero Exor e Stellantis.

Una valutazione certamente condivisa, maturata a seguito dell’inchiesta Prisma che ha condotto Jaki Elkann a ridisegnare l’assetto del club. E a chiudere, per Agnelli, un ciclo durato ben 13 anni, salutato dall’ex Giovanni Cobolli Gigli.

Juve, Cobolli Gigli elogia Agnelli

Dopo l’odierna Assemblea e l’insediamento del nuovo CdA, si è espresso sulla fase della società proprio l’ex presidente Giovanni Cobolli Gigli, uomo di fiducia degli Agnelli che ha guidato oltre all’amata società calcistica altre aziende riconducibili alla famiglia torinese.

“Per prima cosa bisogna tributare un ringraziamento ad Andrea Agnelli per quello che ha fatto nel lungo periodo della sua presidenza: 8 scudetti sono merito suo”, ha detto all’Adnkronosl’ex presidente Cobolli Gigli in questo storico 18 gennaio 2023.

Agnelli Fonte: Getty Images

Il colpo Ronaldo l’inizio della fine

Un encomio che, però, riguarda il figlio di Umberto che ha risollevato le sorti del club a seguito della complicata discesa agli inferi di calciopoli e ritorno, che però non investe ogni singolo attore della sua Juventus. Cobolli Gigli, entrando nel merito, ritiene infatti vi sia un momento preciso che ha segnato un prima e un dopo:

“Il momento critico, che ho sempre sollevato, è stato l’acquisto di Cristiano Ronaldo, che ha portato problemi interni nello spogliatoio: ogni gol che faceva costava circa un milione e mezzo alla società, ed è costato anche l’uscita di Marotta, collaboratore validissimo di Agnelli mentre gli altri che gli sono succeduti non altrettanto”, ha affondato.

Ronaldo con Agnelli Fonte: ANSA

L’elogio di Andrea Agnelli per la sua scelta

“Ho conosciuto molto bene il presidente, persona di grandissimo livello professionale. Mi auguro che il nuovo cda sia all’altezza. E ora che è uscito da tutto paradossalmente, e lo dico come battuta, Andrea Agnelli potrebbe comprarsi la Juventus. Forse potrebbe gestirla meglio”.

Quanto al costo, “lo dico con dispiacere da azionista, ma temo che oggi costerebbe molto meno del suo valore effettivo. In ogni caso adesso Andrea Agnelli è libero di fare ciò che vuole, e gli auguro tutto il meglio per il suo futuro”.

Come ha annunciato all’assemblea, nel suo discorso di commiato, Andrea Agnelli ha maturato la decisione di dimettersi dagli altri incarichi ricoperti nelle aziende di famiglia. Una valutazione di opportunità, in prospettiva di quanto attende sia l’ex presidente sia quanti sarebbero stati coinvolti nell’ambito dell’inchiesta Prisma e di quanto scaturito da essa, anche a livello di giustizia sportiva.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...