Virgilio Sport

Lazio-Milan, la moviola: Focus sul rigore e sulle scuse dell'arbitro

La prova di Di Bello all'Olimpico analizzata ai raggi X, promosso il fischietto di Brindisi che non piace a Berlusconi

25-01-2023 08:49

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua lunga carriera ha vissuto da inviato importanti eventi come i Giochi Olimpici, i Giochi del Mediterraneo e gli Europei di Calcio. Ha collaborato con importanti agenzie di stampa e quotidiani nazionali. Se fosse un calciatore, sarebbe sicuramente l’uomo d’ordine (e il capitano in pectore). Per Virgilio Sport cura specialmente la sezione dedicata al Calcio

Chissà cosa avrebbe detto Silvio Berlusconi dell’arbitraggio di Di Bello in Lazio-Milan se fosse stato ancora presidente dei rossoneri. L’attuale patron del Monza non ebbe belle parole per il fischietto di Brindisi lo scorso agosto, quando si lamentò e non poco della prova di Di Bello in Monza-Udinese, gara che vide la sconfitta dei brianzoli per 2-1 alla terza giornata.

Lazio-Milan, Di Bello e quello sfogo di Berlusconi

Nella circostanza Berlusconi sbottò a fine gara dicendo: “Non mi è piaciuto niente dell’arbitraggio. Loro erano in dodici, c’era anche l’arbitro con loro ed è stato un arbitraggio scandaloso. Com’è che si chiama? Di Bello? Ecco, doveva chiamarsi… di Brutto”. Ma come se l’è cavata ieri in Lazio-Milan?

Lazio-Milan, i precedenti con le due squadre

Prima di ieri sera erano 14 i precedenti di Di Bello con il Milan: 10 i successi rossoneri, due pareggi e altrettante sconfitte. Meno netto il bilancio con la Lazio che nei 17 precedenti aveva collezionato 8 vittorie, 2 pareggi ma anche ben 7 sconfitte. Il 4-0 di ieri cambia le cose.

Lazio-Milan, gli episodi discussi

E’ stata una serata abbastanza agevole ieri per Di Bello all’Olimpico. Solo tre ammonizioni, gara sempre tenuta in pugno e poche proteste. Al 26′ Bennacer è il primo ammonito dell’incontro, l’algerino calcia il pallone per protesta dopo un fallo fischiato per braccio largo su Zaccagni. E’ un giallo pesante: il centrocampista era l’unico diffidato del Milan, salterà il prossimo impegno con il Sassuolo. Al 33′ viene ammonito anche Milinkovic Savic per fallo su Leao.

Lazio-Milan, Di Bello costretto a scusarsi

L’unico errore di Di Bello al 54′, quando Kjaer ferma Felipe Anderson e viene ammonito, ma la Lazio protesta contro Di Bello che non ha concesso il vantaggio con i biancocelesti lanciati a rete. L’arbitro si è scusato.

Lazio-Milan giusto concedere il rigore su Pedro

Infine l’episodio del rigore al 65′: Pedro anticipa Kalulu su un cross dalla sinistra e viene colpito nettamente dal difensore del Milan. Di Bello assegna correttamente il rigore e il VAR conferma. Finisce 4-0 ed è buio pesto per il Milan.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...