Virgilio Sport

Libertadores, giovane tifoso del Boca suicida dopo ko in finale: il dramma della madre

Un giovane poliziotto di Buenos Aires si è sparato dopo la sconfitta del Boca nella finale di Coppa Libertadores con la Flu. Giorni prima l'aveva annunciato: "Se perde mi uccido"

07-11-2023 11:48

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Mio figlio si è ucciso a causa del Boca Juniors”. È il grido di dolore di una donna, che ha perso un figlio di soli 23 anni, suicidatosi dopo la sconfitta degli xeneizes nella finale di Copa Libertadores contro la Fluminense. Alcune settimane fa l’aveva promesso: “Se il Boca non vince il 4 novembre mi uccido”. Ma in famiglia tutti erano certi che stesse scherzando.

Libertadores, tragedia dopo il ko del Boca: 23enne si toglie la vita

Quando la troppa passione sfocia nel fanatismo, allora il rischio di gesti inconsulti è serio. A raccontare la tragedia di Marcelo Alejandro Morales, giovane poliziotto di Buenos Aires, è la madre, Veronica, straziata da un dolore inconsolabile. Sconvolta. Ancora incredula. E pervasa dai sensi di colpa. Già, perché il 23enne aveva avvisato tutti nei giorni antecedenti la finalissima della Copa Libertadores: “Se il Boca non vince, la faccio finita”. Non avevano dato troppo peso a quelle parole, perché convinti che fosse un’esagerazione, uno scherzo. “Non potevamo immaginare che sarebbe arrivato a tal punto”.

Il dramma di Marcelo nelle parole della madre Veronica

Prima di suicidarsi, l’agente, che ha guardato la partita più importante dell’anno in Sud America in compagnia del padre e del fratello, ha lasciato tutti i suoi risparmi al fratello, dettaglio che lascia capire quanto il gesto sia stato voluto. “Conduceva una vita normale – racconta in lacrime la madre -. Non era un ragazzo cattivo, né consumava droghe. La sua vita si svolgeva tra casa e lavoro e salutava tutti con rispetto”. Finito il match, vinto dalla Fluminense ai supplementari con gol di Kennedy, il poliziotto è andato nella sua stanza al primo piano della casa e si è sparato alla tempia destra con la pistola d’ordinanza.

La passione del giovane per il Boca e l’attacco della madre

Del figlio Veronica dice che “era un grande tifoso del Boca. E se perdeva, si deprimeva, si rabbuiava, si arrabbiava”. Poi, in un’intervista a Crónica, attacca: “Il Boca è spazzatura perché hanno ucciso mio figlio. Mio figlio si è ucciso a causa loro, a causa del Boca. E nessuno del club, nessun giocatore, mi ha fatto le condoglianze”. Infine, un appello, affinché tragedie del genere non accadano mai più: “I giovani siano consapevoli, pensino alle loro famiglie”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...