Virgilio Sport

Linda Caicedo, la stellina dei Mondiali femminili: dal tumore al gol per la Colombia

Linda Caicedo, Linda Caicedo tumore, Colombia, Mondiali femminili, Messi

25-07-2023 17:50

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Il secondo gol più importante della sua vita lo ha segnato poche ore fa, al debutto mondiale con la sua Colombia, a soli 18 anni. Il primo, tre anni fa, quando sconfisse un tumore alle ovaie. La storia di Linda Caicedo, stellina delle Cafeteras in forza al Real Madrid, è di quelle che soltanto lo sport è in grado di regalare e raccontare. Più forte di tutto e tutti. Senza mai perdere l’obiettivo. Senza mai rinunciare al sogno di sempre. Oggi Linda brilla in campo, intenzionata a condurre la sua squadra il più lontano possibile.

Linda Caicedo, un gol che vale già la Coppa del Mondo

La Colombia, inserita nel Gruppo H dei Mondiali femminili che si stanno disputando in Australia e Nuova Zelanda, ha esordito battendo 2-0 la Corea del Sud. Tutto in nove minuti: al 30′ ha aperto le danze Catalina Usme, al 39′ il raddoppio griffato Caicedo con un destro dal limite. Un gol accolto come una liberazione. Celebrato da tutte le compagne, che l’hanno stretta nella morsa del più sincero e affettuoso degli abbracci. A 18 anni il futuro di Linda è più che mai nel calcio. E il suo talento consacrato a livello globale. Per la gioia del Real Madrid, che si è assicurato le sue prestazioni anticipando la concorrenza.

Tre anni fa Linda Caicedo ha combattuto con un tumore

A 15 anni la vita si prende col sorriso. Sognando ciò che si farà da grandi e godendosi la spensieratezza dell’adolescenza tra prime cotte e giochi con gli amici. Ma la vita, a volte, stravolge la normalità. Proprio come capitato a Linda, che, tre anni fa, si ritrovò a combattere con un tumore alle ovaie. “Non pensavo che avrei ripreso a giocare per via dei trattamenti e degli interventi chirurgici che ho dovuto affrontare” ha confessato. Eppure ce l’ha fatta. Mossa dalla passione. E dalla voglia matta di realizzare il suo sogno.

L’ascesa nel mondo del calcio e il passaggio al Real Madrid

Il calcio lo ha nel dna, lo testimonia il suo percorso. Vanta già due titoli colombiani con l’América de Cali (2019) e il Deportivo Cali nel 2021, anno in cui ha vinto anche la classifica marcatori della Coppa Libertadores con sette sigilli. Nel 2022 partecipa al Mondiale di categoria in India con la Colombia Under 17 e poi con l’Under 20 a quello in Costa Rica. Ora la vetrina con la nazionale maggiore, nel frattempo il passaggio al Real Madrid con cui ha collezionato due gol e quattro assist in dieci presenze.

Ma l’idolo di Linda Caicedo non è un galactico

Proprio no. Non è Cristiano Ronaldo o un altro fenomeno del Real Madrid, l’idolo di Linda. Che stravede per l’eterno rivale dei blancos Leo Messi. Pensate: lo scorso 18 dicembre l’attaccante colombiana è volata in Qatar, con tanto di maglia albiceleste numero 10 addosso, per assistere alla finale del Mondiale tra Argentina e Francia. Solo per vedere la Pulce.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE B:
Ascoli - Brescia
Reggiana - Sudtirol
Palermo - Ternana
Sampdoria - Cremonese
Lecco - Como
Catanzaro - Bari
Parma - Cosenza

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...