Virgilio Sport

Mario Cipollini condannato a tre anni, le parole dell'ex moglie

Il campione del mondo 2002 è stato dichiarato colpevole di maltrattamenti, lesioni e minacce all’ex consorte Silvia Landucci e all’attuale compagno di lei Silvio Giusti

18-10-2022 11:23

A cinque anni dalla denuncia subita dall’ex moglie Sabrina Landucci, si è chiuso il processo di primo grado a carico di Mario Cipollini. L’ex velocista, campione del mondo nel 2002 a Zolder, è stato condannato in Tribunale a Lucca a tre anni di reclusione per maltrattamenti, lesioni e minacce all’ex consorte e all’attuale compagno di lei, Silvio Giusti.

Sentenza Cipollini, la difesa annuncia ricorso

La sentenza di primo grado, che ha anche stabilito un risarcimento di 80.000 euro alla donna e di 5.000 a Giusti, chiude quindi la prima tappa, per usare un gergo ciclistico, di un percorso ancora lungo, dal momento che Giuseppe Napoleone e Cesare Placanica, gli avvocati che difendono l’attuale detentore del primato di vittorie di tappa nella storia del Giro d’Italia, hanno già annunciato ricorso. La difesa aveva infatti chiesto l’assoluzione piena del proprio assistito e si era battuta anche per l’annullamento del dibattimento a causa di presunti “gravi errori procedurali”.

“In uno Stato di diritto, la parola fine è con la Cassazione – ha dichiarato Napolone a ‘Il Giornale’ – La pena irrogata, dal mio punto di vista come anche del collega Cesare Placanica, fa capire che i reati contestati avrebbero richiesto una condanna ben più pesante. Non dimentichiamo che il pubblico ministero titolare dell’indagine aveva formulato richiesta di archiviazione. Attendiamo il deposito delle motivazioni e la impugneremo alla Corte d’Appello di Firenze”.

Caso Cipollini, lo sfogo dell’ex moglie dopo la sentenza di primo grado

I fatti oggetti del processo risalgono al dicembre 2016 e al gennaio del 2017, mentre le indagini vennero avviate in seguito alla denuncia presentata il 9 gennaio 2017 dall’ex moglie di Cipollini. Nell’udienza dello scorso 22 giugno il pubblico ministero Letizia Cai aveva chiuso la requisitoria chiedendo due anni di carcere per Cipollini più altri sei mesi per le minacce a Giusti. Sabrina Landucci ha commentato la sentenza visibilmente emozionata:

“È una sentenza difficile da commentare, ma sono contenta, anche se è stato un percorso difficilissimo e oggi è stata per me una giornata molto difficile. Giustizia è fatta. Le parole della difesa mi hanno ferito, mi sono sentita veramente offesa. Soprattutto la cosa che mi ha ferito più di tutte è l’immagine di madre inadeguata che è stata data di me”.

Chi è Sabrina Landucci, l’ex moglie di Mario Cipollini sorella del vice allenatore della Juventus Marco

Nella delicata vicenda giudiziaria entra, seppur di striscio, anche il mondo del calcio. Sabrina Landucci è infatti la sorella di Marco, storico vice di Massimiliano Allegri lungo quasi tutta la carriera dell’attuale allenatore della Juventus, dagli esordi in A con il Cagliari fino alla doppia esperienza in bianconero, passando per il periodo al Milan e con la sola eccezione di Sassuolo.

Landucci vanta anche un ottimo passato da portiere, con quasi 200 presenze in A tra la Fiorentina, dove ha giocato tra il 1986 e il 1991, e il Brescia, prima di una breve esperienza all’Inter a fine carriera, dopo essere stato anche nel giro della nazionale, dove però non ha mai debuttato, sfiorando la convocazione per Euro 1988. Landucci ha giocato anche nella Lucchese ed è stato compagno nella stagione 1991-’92 proprio di Silvio Giusti, l’attuale compagno della sorella, ex centrocampista, bandiera del club rossonero negli anni ’80 e ’90 e in seguito giocatore anche del Chievo in Serie B.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Udinese - Salernitana
Monza - Roma
Torino - Fiorentina
SERIE B:
Brescia - Palermo
Sudtirol - Lecco
Ternana - Parma

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...