Virgilio Sport

Mazzola: Juve arrogante, quando mai rispetta le sentenze?

L'ex bandiera dell'Inter critica anche il conto degli scudetti e quella bomba-carta in un derby

Pubblicato:

Mazzola: Juve arrogante, quando mai rispetta le sentenze? Fonte: Ansa

Lui alla Juve ha saputo dire no, quando era giocatore, ha saputo contrastarla con la sua Inter quando era dirigente e ora che guarda da fuori continua a vederla come una specie di alieno. Intervistato da Tuttosport Sandro Mazzola si dice indignato per la vicenda degli striscioni su Superga (dove morì tra gli altri suo padre Valentino) ammessi allo stadio e dice: “Guardate, sinceramente, io in cuor mio non solo non riesco a crederlo, ma proprio non ci credo che Agnelli sapesse del contenuto di quegli striscioni tremendi su Superga. Sì, probabilmente aveva il sentore di qualcosa che non andava, ma non di un fatto così grave. Spero che non venga fuori altro”. Poi un altro attacco alla presidenza bianconera: “Io sono abituato ad attenermi ai fatti, alle sentenze e a rispettare il lavoro degli inquirenti, in qualsiasi campo.  Parimenti, con serenità, ad Agnelli dico di riflettere bene prima di dire certe cose, tipo appunto l’invito ad attenersi alle sentenze rivolto ai media. Le sentenze, o le accetti e le rispetti tutte, o allora non vale. Non mi risulta che nel conto degli scudetti, per esempio, la Juventus si sia mai attenuta alle sentenze. E ricordo quella volta che fu tirata una bomba carta in mezzo ai tifosi del Toro, in un derby. Cercarono di far credere che i granata se la fossero tirata da soli, ma non mi sembra che le sentenze abbiano stabilito questo. Al posto di Agnelli avrei chiesto scusa. Subito. In maniera netta, inequivocabile, senza se e senza ma. Anche se non ha responsabilità dirette, sono comunque i loro tifosi, la loro gente. E certo, d’istinto mi verrebbe da chiuderlo, quello stadio”.

CLUB E BIGLIETTI – Poi un’esperienza personale: “La verità è che in Italia siamo ancora indietro per la sicurezza negli stadi. E la stessa Juve, che pure ha lo stadio migliore da questo punto di vista, va in difficoltà. Non è facile fronteggiare certe situazioni, eh? Ve lo dico per esperienza. Quand’ero dirigente dell’Inter decisi di andare a parlare a dei tifosi basati a Sesto San Giovanni, che avevano combinato dei casini. Il presidente Fraizzoli mi disse: “ma te sì mat?”. Tagliai a questa gente il rifornimento di biglietti, provai a spiegar loro che quei comportamenti erano controproducenti anche per la squadra. Ma non è che ottenni molto, eh”.

IL NO ALLA JUVE – Infine il ricordo di una trattativa mai partita: “La Juve per me è quell’autista mandato da Boniperti che mi accolse con una macchina gialla dentro il bunker di Appiano, quando la Juve mi voleva comprare dall’Inter. Scende e mi fa: “ué, ciao Sandro”. E io: “mi scusi, ma lei come ha fatto a entrare qua che è tutto blindato?”. E lui: “noi della Juve entriamo dappertutto”. Ecco. Poi è Boniperti che, dopo che gli vengo portato davanti quel giorno, di nascosto dalla mia famiglia, mi offre una concessionaria Fiat a Torino, un’agenzia Sai a Milano e quattro volte il mio stipendio nerazzurro. E mi confida che andava di nascosto a spiare gli allenamenti del Grande Torino per guardare mio papà. Io torno a Milano la sera tutto confuso, combattuto, silenzioso, leggo nervosamente due libri allo stesso tempo e, pur mangione qual ero, non tocco cibo. Finché mamma Emilia entra in camera e in dialetto mi fa: “Adesso mi spieghi cosa mi stai tenendo nascosto”. Io le racconto dell’offerta della Juve. Lei mi dice: “Tuo padre si rivolterebbe nella tomba: domani lo chiami e gli dici no, grazie”. Mica potevo disobbedirle”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...