,,
Virgilio Sport SPORT

Milan: conti OK, e Gazidis detta la linea dei futuri rinnovi

A margine dell'assemblea dei soci del Milan, l'AD Ivan Gazidis e il presidente Paolo Scaroni hanno dettato la futura linea socieraria in materia di rinnovi.

26-10-2021 18:45

Nella giornata di oggi è stato ufficializzato il bilancio del Milan al 30 giugno 2021. Risultati importanti per i rossoneri, che complici le ottime prestazioni sportive e le buone manovre di mercato registrano una perdita inferiore di ben 98,2 milioni rispetto allo scorso anno, attestandosi a 96,4. Nel dettaglio, il valore della produzione dell’esercizio 2020/2021 ammonta a 261,1 milioni, in aumento del 36% rispetto al dato di 192,8 milioni dell’esercizio precedente, mentre 347,4 sono stati i costi di gestione. Risultati non ancora ottimali ma comunque in crescita per il Milan, che si mostra sulla buona strada per quell’autogestione societaria alla quale molti club ambiscono.

IVAN GAZIDIS E GLI ADDI A PARAMETRO ZERO DEL MILAN

Pesa molto la spesa sul mercato, dove si registra una campagna acquisti di 82 milioni di euro (tra acquisti e prestiti onerosi) ed una campagna cessioni di 28, 4 milioni. Sulla campagna per le cessioni hanno influito parecchio gli addii a parametro 0 di Hakan Calhanoglu e di Gianluigi Donnarumma, che non hanno trovato un accordo soddisfacente con la società per il rinnovo di contratto. Di questa tendenza, dei giocatori che spingono per liberarsi gratis in cerca di un contratto migliore, ne ha parlato l’amministratore delegato rossonero Ivan Gazidis, intervistato proprio a margine dell’assemblea dei soci del Milan:

“Le decisioni non sono mai facili. Tutti i club negoziano con gli agenti ed è tutto molto sofisticato. Nel passato i giocatori non spingevano per andare via a parametro zero. Oggi, invece, i club operano in maniera responsabile dal punto di vista finanziario, ma i giocatori e gli agenti pensano come se il Covid non ci fosse mai stato: per arrivare alle cifre che vogliono, devono andare a parametro zero. Noi continueremo a prendere decisioni nell’interesse del club, rimanendo competitivi al top in Serie A e in Europa, ma non possiamo trascendere dalla sostenibilità economica. Penso che possiamo aver fatto degli errori, ma ogni decisione è stata presa per il bene del club”.

MONDIALE OGNI DUE ANNI? L’AD DEL MILAN NON CI STA

“Parlando anche del futuro dei rossoneri: “Stiamo costruendo le fondamenta del nostro ambizioso progetto per il Milan del futuro, con una strategia chiara e coerente: creare un modello innovativo e sostenibile, dentro e fuori dal campo. Siamo un Club che si sta impegnando per riportare il Milan dove merita”, Gazidis arriva a prendere posizione sulla proposta FIFA del Mondiale ogni due anni proposto da Infantino e Wenger:

“Mondiale ogni due anni? Forse dopo tre mesi a New York è meglio se parlo in inglese. È una risposta che deve essere precisa. Abbiamo i club che pagano i giocatori, che vanno nelle Nazionali. Ma la FIFA, la UEFA o le federazioni non pagano salari. La crescita del calcio non sarebbe così grande con un Mondiale ogni 2 anni. Ci sarebbero più partite, con più costi. Si dovrebbe creare valore per tutti i membri. I club che pagano i giocatori devono avere voce in capitolo”.

PAOLO SCARONI, IL FUTURO DEL MILAN SARÀ ROSEO

Una presa di posizione netta: al momento attuale, la risposta sarebbe no. Gazidis reclama voce in capitolo per i club, effettivamente penalizzati se il numero di partite internazionali aumentasse ulteriormente.

All’assemblea dei soci interviene anche il Presidente rossonero Paolo Scaroni, che commentando il risultato annuale di questo esercizio si azzarda in un pronostico davvero roseo per le casse del Milan:

“Dipende tutto dai risultati sportivi. Viviamo in un mondo dove il conto economico e i risultati sportivi sono direttamente collegati. Al Milan, quello che piace e che tende, è quello di essere sempre in Champions League. Se riusciamo a ottenere questo risultato sportivo, non è illusorio pensare a un azzeramento delle perdite nei prossimi tre anni”.

Insomma, Elliot non sembra così lontano dall’obiettivo che si era prefissato quando ha preso in gestione il club rossonero.

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...