Virgilio Sport

Milan e Bonucci: Vincenzo Montella si sfoga e attacca Gattuso

L'ex tecnico rossonero non risparmia frecciate.

Pubblicato:

Milan e Bonucci: Vincenzo Montella si sfoga e attacca Gattuso Fonte: 123RF

Vincenzo Montella torna a parlare della sua sfortunata esperienza al Milan e non risparmia frecciate ai suoi ex collaboratori e all’allenatore che lo ha sostituito, Gennaro Gattuso. 

Contro Ringhio l’ex Aeroplanino è molto duro: “Non ci siamo mai sentiti. Ho solo voluto dirgli che stava sbagliando a insistere sulla preparazione atletica nelle sue interviste, si stava esagerando su un aspetto che mi tocca profondamente. Lui sta facendo bene ma non è giusto toccare le mie competenze. Ho cinque sei anni di esperienza in più di Serie A, penso di avere conoscenze maggiori di chi dice certe cose: dati alla mano sfido chiunque in un confronto pubblico sul tema. Un conto è quanto corri, un altro l’intensità che ci metti”, le sue parole alla Gazzetta dello Sport.

“A oggi si fa ancora confusione sui metri percorsi rispetto all’intensità dei metri percorsi. È la potenza metabolica che conta, non esclusivamente la distanza. Gattuso ha dimostrato di essere un bravo allenatore, sta facendo un buon lavoro, ma quando mi vengono toccate le mie competenze allora ci rimango un po’ male…”.

Montella ha detto la sua anche sulla fascia a Leonardo Bonucci: “A suo tempo la società aveva promesso a Bonucci la fascia di capitano. Io al ragazzo dissi telefonicamente che si poteva essere capitani anche senza la fascia, a volte lo si è anche di più. Poi mi sono preso del tempo, era una scelta che volevo fare io. Con il nuovo corso, poi, la società tra virgolette mi costrinse, ma ero d’accordo, a dare la fascia di capitano a un nuovo calciatore e io questa scelta l’ho avallata perchè la nuova proprietà ha diritto di poter scegliere il proprio capitano. Ero indeciso tra Bonucci e Biglia, ne parlai anche con Lucas ma non era entusiasta, perchè probabilmente aveva avuto esperienze negative in passato. Quindi la scelta fu facile alla fine”.

La scelta di Kalinic, poi rivelatasi fallimentare: “E’ un giocatore a me graditissimo, era la prima scelta, sulla carta un titolare rispetto ad André Silva che a inizio stagione era un’alternativa alla prima punta. Poi chiaramente le cose si evolvono. L’attaccante è stato comprato alla fine del calciomercato: siamo stati vicini a Morata, a Batshuayi. Alla fine con il budget a disposizione era difficile prendere un attaccante più forte di André Silva, che non so neppure quanto sia stato pagato”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...