Virgilio Sport

Mondiali Ciclismo 2023: programma, gare su strada, favoriti e speranze azzurre

Le gare su strada dell'iridato, in calendario a Glasgow a partire da sabato 5 agosto: maschile e femminile, ecco cosa ci aspetta e come ci arriva l'Italia

03-08-2023 17:59

A Glasgow non fa tanto caldo (18 gradi la massima, la minima scende fin sotto i 10), e domenica potrebbe anche piovere, rendendo la temperatura percepita ancor più bassa di quanto registrato dalle colonnine. Ma a Glasgow in questi giorni fa caldo pensando all’attesa che monta attorno al mondiale su strada, che al netto di un’edizione che raggruppa un po’ tutte le discipline del pedale (una mini olimpiade della bicicletta, come qualcuno l’ha ribattezzata: l’UCI l’ha pensata e messa in calendario ogni 4 anni) avrà nelle gare elite il suo apice.

Insomma, la maglia iridata è affascinante a qualsiasi latitudine, ma quella del ciclismo professionistico ha un valore tutto speciale. In generale, l’intero programma della strada appare degno e meritevole di attenzione. E stranamente rispetto alle abitudini si aprirà proprio con la prova più attesa, quella elite uomini.

Belgio e Olanda, il derby tanto atteso

Belgio e Olanda la fanno da padrone in un mondiale che pure potrebbe aprirsi a tanti scenari. C’è chi lo indica come adatto alle ruote veloci, chi a specialisti delle classiche, chi addirittura a finisseur in cerca d’autore. Insomma, tutte caratteristiche che sembrano strizzare l’occhiolino a Mathie van der Poel (Olanda) e Wout Van Aert (Belgio), al solito rivali nell’eterna lotta che da più di un decennio li vede scontrarsi sia su strada, sia nel cross.

Il Belgio schiera il campione in carica Remco Evenepoel, altro elemento che potrebbe esaltarsi su un circuito mosso, seppur non così adatto a passisti scalatori. Dovesse esserci un arrivo di gruppo, Jasper Philipsen (Belgio) appare l’indiziato numero uno a far sua la maglia iridata.

Gli outsiders

Possibili alternative? Mads Pedersen e Kasper Asgreen (Danimarca) sono due carte importanti nel mazzo dei danesi, mentre Tadej Pogacar (Slovenia) sarà capitano unico e dovrà essere marcato stretto, perché capace di tutto anche in una volata ristretta.

E poi Tom Pidcock (Gran Bretagna) che sogna una vittoria davanti al proprio pubblico. Christophe Laporte (Francia) è l’artiglieria pesante schierata in casa transalpina, mentre Matteo Trentin sarà presumibilmente il capitano e prima opzione di un’Italia che si presenta senza grosse velleità, con Alberto Bettiol e Andrea Bagioli che proveranno a combinare qualcosa.

La prova femminile: ultima impresa?

La prova femminile è più aperta, nel senso che di pretendenti all’iride se ne contano parecchie. Annemiek van Vleuten sogna una chiusura in grande stile: la fuoriclasse olandese, campionessa del mondo in carica, 41 anni da compiere a ottobre, disputerà l’ultima gara in carriera proprio in terra d Scozia ed è da considerare come la logica favorita.

Le rivali però sono tante e agguerrite: Demi Vollering (Olanda) ha appena conquistato il Tour de France Femmes ed è uscita in condizioni strepitose dalla corsa francese, mentre Lotte Kopecky (Belgio) punta decisamente a migliorare l’argento conquistato lo scorso anno a Wollongong.

Anche Marianne Vos (Olanda) proverà a dire la sua nell’eterno confronto con le colleghe belghe e olandesi. L’Italia deve rinunciare a Elisa Longo Borghini, ferma per un’infezione cutanea: Elisa Balsamo, oro a Doha nel 2019, pare la maggior indiziata a inserirsi nel discorso per la vittoria finale. La gara femminile chiuderà il programma su strada, essendo in programma domenica 13 agosto.

Top Ganna rivuole il trono

L’Italia ha certamente una carta “pesante” da giocare nella cronometro in programma venerdì 11 agosto: Filippo Ganna ha già conquistato due volte la maglia iridata, nel 2020 a Imola e nel 2021 nelle Fiandre, e dopo averla ceduta lo scorso anno a Wollongong a Tobias Foss (Norvegia) parte dichiaratamente con l’obiettivo di riprendersi il trono.

Dovrà vedersela però dai soliti noti belgi: Remco Evenepoel e Wout Van Aert sembrano avere tutte le carte in regola per farlo soffrire sino all’ultimo metro.

Tadej Pogacar (Slovenia) correrà la cronometro, ma senza grosse ambizioni di medaglia (il percorso presenta un dislivello contenuto), mentre Stefan Kung (Svizzera) è sempre un uomo da tenere d’occhio.

Difficile pensare di spodestare Lotte Kopecky

Nella gara femminile, difficile pensare di spodestare Lotte Kopecky: la belga ha oggettivamente una marcia in più rispetto alle rivali, con le sole Van Vleuten e Marlen Reusser (Svizzera) in grado di poterla insidiare.

Martedì 8 agosto è in programma anche la staffetta mista: due terzetti distinti, uno maschile e uno femminile, che partono a distanza l’uno dall’altro, e una volta sommati i tempi la nazione che ha fatto registrare quello migliore si prende l’oro.

L’Italia un anno fa chiuse seconda dietro la Svizzera, che resta la grande favorita assieme al Belgio. Molto dipenderà però dalle scelte dei commissari tecnici: ad esempio Ganna e Longo Borghini, presenti in Australia, quest’anno non correranno e dunque la musica potrebbe cambiare.

Il programma delle gare su strada

Di seguito, ecco il programma delle gare su strada a Glasgow a partire da sabato 5 agosto.

Sabato 5 Agosto

  • Femminile Junior (ore 11), 70 km
  • Maschile Junior (ore 14,30), 127 km

Domenica 6 Agosto

  • Maschile Elite (ore 10,30), 271 km

Martedì 8 Agosto

  • Team Relay Mixed (ore 14), 40 km

Mercoledì 9 Agosto

  • Maschile Under 23 Cronometro (ore 15,30), 36 km

Giovedì 10 Agosto

  • Femminile Junior Cronometro (ore 12,15), 13 km
  • Femminile Elite Cronometro (ore 15), 36 km
  • Femminile Under 23 Cronometro (ore 15), 36 km

Venerdì 11 Agosto

  • Maschile Junior Cronometro (ore 11), 23 km
  • Maschile Elite Cronometro (ore 15,35), 48 km

Sabato 12 Agosto

  • Maschile Under 23 (ore 13), 168 km

Domenica 13 Agosto

  • Femminile Elite (ore 13), 154 km
  • Femminile Under 23 (ore 13), 154 km

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lazio - Milan

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...