Virgilio Sport

Morto a 43 anni Kay Bernstein, il presidente-tifoso dell'Hertha Berlino: mistero sulle cause

Nel comunicato non si fa cenno alle causa della sua scomparsa, anche se i media tedeschi avanzano ipotesi. Il cordoglio del club e dei suoi giocatori sotto choc per l'accaduto

Pubblicato:

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Nell’immaginario collettivo, o anche in una semplificazione giornalistica che tende a esaltare un aspetto, una sola componente per raccontare tutto, Kay Bernstein era il presidente tifoso dell’Hertha Berlino, prestigiosa società tedesca che a distanza di un anno e mezzo si è misurata con il doveroso annuncio, a estimatori e semplici appassionati, di una scomparsa imprevedibile quanto misteriosa.

Con un comunicato partecipe, ma senza alcun dettaglio utile a comprendere come ciò possa essere accaduto, il club ha reso nota la morte del presidente, 43 anni appena, martedì 16 gennaio.

Il comunicato dell’Hertha Berlino

Il comunicato è essenziale, privo di alcun particolare relativo alla salute e alle condizioni in cui versava il presidente, eletto dall’estate 2022 dopo una lunga militanza da ultrà, Kay Bernstein:

“Martedì, Hertha BSC ha ricevuto la terribile notizia che il presidente Kay Bernstein era deceduto all’età di 43 anni. L’intero club, i suoi consiglieri e i suoi dipendenti sono sbalorditi e profondamente devastati. La famiglia Hertha piange con Kay in lutto e pensa alla sua famiglia, agli amici e ai compagni in questo momento difficile. Vi chiediamo di rispettare la privacy della famiglia dopo questo orribile evento”, il testo della nota diffusa e condivisa sui social.

Il mistero sulle cause della morte

La scomparsa, avvenuta in circostanze improvvise e dunque ancora più tragiche da quel che si avverte, ha toccato profondamente l’opinione pubblica tedesca: i principali media aprono su questa drammatica conferma da parte della società, che pure ha chiesto discrezione, a tutela di parenti, amici e collaboratori stretti del presidente.

Secondo quel che ha ricostruito la BILD, giovedì Bernstein si è recato al ritiro dell’Hertha vicino ad Alicante (Spagna) ed è parso essere di ottimo umore. Godeva si una certa popolarità, addirittura simpatia tra i tifosi e il club. Prima di salutarsi domenica mattina presto, ha abbracciato tutti. Secondo le informazioni raccolte e citate della BILD, lunedì è andato a letto intorno alle 23 e martedì mattina non si è svegliato. Sua moglie ha chiamato i servizi di emergenza al mattino e più tardi ha informato il caro amico di Bernstein, Colin Jahn, che come Bernstein viene dal mondo della tifoseria e ora è direttore marketing, della terribile notizia nell’ufficio dell’Hertha.

Fonte: IPA

Una recente immagine di Bernstein

Con lui, da quel che si apprende dallo stesso articolo, erano presenti il direttore sportivo Benny Weber, l’amministratore delegato Thomas Herrich, il capo del dipartimento giocatori su licenza Zecke Neuendorf e l’allenatore Pal Dardai.

Squadra e campioni sotto choc

A metà ottobre Bernstein aveva riportato gravi fratture alla colonna vertebrale in un incidente, si era rotto tre vertebre ma era tornato operativo una volta superate le fratture. La triste notizia è stato ed è ancora adesso un enorme choc per la squadra, che ha condiviso poche ore fa momenti importanti con il numero uno del club, sostenitore anche di una rivoluzione copernicana nel calcio tedesco che riporterebbe al centro il rapporto tra calcio e tifoseria.

Fonte: IPA

Bernstein con i colori dell’Hertha

A ribadire questo senso di smarrimento e di dolore, i professionisti dell’Hertha Michal Karbownik, Haris Tabakovic, Marton Dardai, Tjark Ernst, Pascal Klemens, Bence Dardai, Bilal Hussein, Marten Winkler, Derry Scherhant, Jeremy Dudziak, Florian Niederlechner, Gustav Christensen e Robert Kwasigroch hanno pubblicato una foto di Bernstein e l’hanno aggiunta su Instagram un’emoji con le mani giunte.

Stando a quel che riporta la BILD, le cause della morte potrebbero essere imputate a un malore fatale – forse un infarto -, anche se non si hanno conferme ufficiali sull’accaduto.

Morto a 43 anni Kay Bernstein, il presidente-tifoso dell'Hertha Berlino: mistero sulle cause Fonte: IPA

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...