Virgilio Sport

MotoGP, addio di Rossi compensato: più spettatori ma un dato preoccupa

Nonostante l'addio di Valentino Rossi, la Dorna è riuscita a portare appeal alla MotoGP ma nelle prime cinque gare c'è una statistica che spaventa molto.

22-05-2023 17:33

Dopo l’addio di Valentino Rossi, in MotoGP c’era molta preoccupazione per l’appeal delle gare, considerando anche i tanti infortuni di Marc Marquez. Con l’assenza dei due piloti più seguiti molti spettatori si sono allontanati dalle corse, ma la Dorna è riuscita ugualmente a porre rimedio, come dimostrano i recenti numeri.

A Le Mans record di spettatori

A Le Mans infatti, nell’ultimo gp disputato del campionato, c’è stato il record assoluto di presenze in un weekend di gara con ben 278mila persone a seguito. Non solo, anche gli ascolti TV sono aumentati copiosamente. L’aumento del pubblico televisivo del fine settimana è stato del 27%.

La spiegazione di Dorna

Per Dorna la spiegazione è semplice: “I fan si sintonizzano per godersi sia la pole position che la Sprint. L’aumento complessivo degli spettatori non è attribuito esclusivamente all’introduzione dello Sprint nel super sabato. Le cifre di visualizzazione per la gara del Gran Premio di domenica sono aumentate di quasi un quinto nei mercati chiave, dimostrando che il nuovo formato non solo sta raccogliendo il proprio pubblico, ma sta anche suscitando interesse e spettatori per lo sport in generale”.

Le cadute però spaventano

Insomma, la MotoGP sta dimostrando di poter sopravvivere anche dopo l’addio di Valentino Rossi, ma c’è un dato importante da non sottovalutare e che attualmente fa molta paura: i numeri delle cadute e degli infortunati sono aumentati vertiginosamente. Nei primi cinque gran premi stagionali queste sono le cadute: 114 in MotoGP, 87 in Moto2 e 77 in Moto3.

Oltre ai numeri ci sono anche da segnalare sei piloti che hanno subito infortuni nelle prime cinque tappe del motomondiale, tra cui grandi protagonisti come il campione del mondo in carica Pecco Bagnaia, il compagno della Ducati Bastianini, l’otto volte iridato Marc Marquez e Mir. Statistiche impietose se confrontate con quelle degli anni passati (se si considerano lo stesso numero di weekend): nel 2022 solo Marc Marquez ha saltato un GP, nel 2021 sempre lo spagnolo della Honda aveva saltato i primi due ma stava ancora recuperando dall’infortunio di Jerez dell’annata precedente e nel 2020 tre piloti infortunati e otto GP saltati. È evidente che serve un cambio di rotta, per il bene di tutti.

MotoGP, addio di Rossi compensato: più spettatori ma un dato preoccupa Fonte: Getty Images

Leggi anche:

Caricamento contenuti...