Virgilio Sport

MotoGP, Lorenzo: "Rossi faceva il simpatico, io ero autentico"

L'ex pilota spagnolo: "Ho certamente vissuto in una delle epoche migliori della categoria".

25-02-2023 19:57

MotoGP, Lorenzo: "Rossi faceva il simpatico, io ero autentico" Fonte: Getty Images

Ai microfoni de “La Roca”, il cinque volte campione del mondo Jorge Lorenzo ha raccontato la sua vita post MotoGP: “Viaggio più adesso di quando correvo. Mi piace molto scoprire i Paesi. Quando correvo andavo dall’aeroporto al tracciato e restavo tre giorni. Adesso ci resto un paio di settimane per visitare più luoghi possibili. Sento la mancanza della vittoria. Non della moto in sé. Credo che si nasca competitivi. Io lo sono sempre stato, sin da quando andavo a scuola e inventavo dei giochi per primeggiare sui miei compagni“.

Però ovviamente, col passare del tempo, lo stile di guida di Lorenzo è cambiato: “Quando ero giovane e vedevo l’asfalto bagnato mi buttavo e vincevo. A trenta mi sono reso reso conto che tendevo a frenare. Il mio polso non mi faceva dare il gas perché vedeva il pericolo“, l’amara presa di coscienza dell’ex campione spagnolo.

Nel corso dell’intervista, Jorge Lorenzo ha sottolineato anche una differenza che a suo parere lo distingueva da Rossi: “Io nel bene e nel male ho sempre detto ciò che pensavo. Sono stato autentico. Vale, invece, amava fare il simpatico davanti alle telecamere anche prima di saltare in sella. Io non sono mai riuscito, né avevo voglia di farlo“.

Per finire, Lorenzo ha speso alcune parole sui suoi avversari più temibili: “Ho certamente vissuto in una delle epoche migliori della categoria, avendo dovuto battagliare con pezzi da novanta come Casey, Valentino, Dani o Marc Marquez“.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lazio - Milan

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...