,,
Virgilio Sport SPORT

Non solo Donnarumma: un altro eroe di Euro 2020 può lasciare la Serie A

Rapporti sempre più tesi tra il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis e Lorenzo Insigne: distanza ampia tra domanda e offerta per il rinnovo, già fatto il prezzo per un'eventuale cessione.

Tra le tante squadre big che hanno cambiato guida tecnica, suscita particolare curiosità la scelta del Napoli di affidarsi a Luciano Spalletti.

Il tecnico di Certaldo è animato da una particolare voglia di riscatto dopo i due anni di assenza seguiti all’esonero da parte dell’Inter. Spalletti è rimasto a libro paga del club nerazzurro decidendo di aspettare, prima di tornare nella mischia, di ricevere una proposta che ritenesse davvero convincente.

Già contattato dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis lo scorso gennaio, quando l’esonero di Rino Gattuso sembrava ineluttabile al termine della partita persa contro il Verona, Spalletti è rimasto in parola con il club azzurro, subentrando poi al collega calabrese all’inizio della stagione successiva.

La rosa del Napoli sembra adattarsi allo stile di gioco di Spalletti e al suo canonico 4-2-3-1 e nel ritiro di Dimaro i giocatori stanno già provando a mandare a memoria i dettami tattici del nuovo allenatore, il cui obiettivo minimo

sarà quello di riportare la squadra in Champions League dopo la beffa dello scorso campionato, quando il quarto posto è sfumato all’ultima giornata a causa dell’inatteso pareggio al “Maradona” contro il Verona.
Spalletti si è già esposto pubblicamente per la conferma di pezzi pregiati come Kalidou Koulibaly e Lorenzo Insigne, ma proprio il futuro del capitano del Napoli pare più che mai in bilico.

Dopo il trionfo ad Euro 2020 Insigne si sta godendo le vacanze insieme all’amico Ciro Immobile, pensando però magari anche al nodo del contratto con il Napoli, in scadenza nel giugno 2023.

La data si avvicina e iniziare la stagione senza aver chiarito la situazione potrebbe diventare un boomerang per la squadra e per Insigne, che raggiungerà i compagni solo il 5 agosto, nella seconda parte del ritiro in programma a Castel di Sangro.

Tutto è possibile, compreso il clamoroso addio al club nel quale Insigne è cresciuto e che l’ha proiettato nel grande calcio. La distanza tra le parti è infatti sensibile: Insigne e l’agente Mino Raiola chiedono un aumento dell’ingaggio a 6 milioni dagli attuali 4,5, mentre De Laurentiis punta al ribasso proponendo il rinnovo a non oltre 3,5 milioni.

Secondo quanto riportato dal ‘Corriere dello Sport’ il presidente degli azzurri avrebbe anche già pronto il prezzo per un’eventuale trattativa per la cessione, 30 milioni trattabili fino a 25. Una cifra comunque importante per un giocatore con ancora meno di 24 mesi di contratto, ma che potrebbe essere messa sul piatto da un top club europeo, magari nella seconda parte della stagione.

Dopo Gigio Donnarumma, quindi, peraltro assistito dallo stesso agente di Insigne, è concreto il rischio che un altro degli eroi di Euro 2020 lasci la Serie A per trovare fortuna, tecnica ed economica, all’estero.

OMNISPORT | 19-07-2021 11:22

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...