Virgilio Sport

Nuoto, sospeso per due anni Paolo Barelli: i motivi

Il presidente della Federazione di Nuoto italiana, Franco Barelli, è stato sospeso per due anni dal maggiore organismo internazionale (FINA)

Pubblicato:

L’intero mondo del nuoto è sotto shock. La Federazione internazionale di Nuoto (Fina), ha allungato per due anni la sospensione al presidente della Federnuoto italiana Paolo Barelli, dopo che era stato fermato provvisoriamente dal comitato etico nel settembre scorso.

Nuoto, i motivi che hanno portato alla sospensione di Paolo Barelli

Secondo l’organismo internazionale presieduto dal kwaitiano Husain al-Musallam, la motivazione della sospensione riguarda

«presunti illeciti provenienti da casi separati del sig. Barelli, presidente della Federazione italiana di nuoto (Fin), ex membro dell’Ufficio di presidenza della Fina ed ex presidente della Ligue Européenne de Natation (Len). Il sig. Barelli è stato interdetto per un periodo di due anni a partire dal 14 settembre 2022, data della sospensione provvisoria precedentemente irrogata».

Nuoto, Paolo Barelli: “Sentenza infamante”

E’ lo stesso presidente della FIN, Franco Barelli, che spiega in un comunicato quali sono i casi per cui sarebbe stata comminata la sanzione: “Tutto nasce dalle accuse mosse dal Coni alla Federnuoto, di cui sono presidente, nel gennaio 2014 con oggetto i rimborsi per lavori agli impianti natatori del Foro Italico. I procedimenti attivati dal Coni in sede penale sono stati pienamente e definitivamente archiviati nel 2016 perché non sono stati ravvisati reati e perché, come scritto dal giudice, è stata svolta una corretta attività amministrativa da parte della federazione. Dopo l’ulteriore esposto alla Corte dei Conti da parte del Coni (Servizi), la medesima Corte ha proceduto all’archiviazione in primo grado a cui è seguito un ulteriore ricorso che ha prodotto una sentenza in appello che imputa a entrambe le parti il pagamento all’erario di spettanze, sia a carico della Federazione Italiana Nuoto per tramite del suo presidente, sia della Coni Servizi. Ritenuta inappropriata la decisione in appello, è stata presentata fin dal mese di agosto la richiesta di revocazione alla medesima Corte che ha già portato il 18 ottobre scorso alla sospensione della sentenza di secondo grado, privandone gli effetti. In relazione al contratto e alla successiva integrazione sottoscritto dalla Lega Europea e dalla Federazione Italiana Nuoto per l’organizzazione dei campionati europei, il neo presidente della Len, Silva, ha riconosciuto la piena validità dell’accordo.

Cosa rischia ora la FIN per il caso Barelli

Secondo quanto ricostruito dal Corriere dello Sport, la Federnuoto potrebbe incorrere in un commissariamento da parte del CONI, previsto per sospensioni di più di un anno: in questo caso la sospensione viene da un organo terzo e non dalla Comitato Olimpico Italiano. Materia su cui si discuterà nei prossimi giorni.

Per Barelli, la decisione adottata dalla FINA «è priva di fondamento, assurda, infamante e con evidenti ripercussioni sulla mia attività negli ambiti sportivo e politico e di conseguenza sull’intero movimento. Nego ogni addebito».

Nuoto, sospeso per due anni Paolo Barelli: i motivi Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...