Virgilio Sport

Pagelle di Real Madrid-Manchester City 3-3: Bernardo Silva, Foden, Vinicius Jr e Valverde incantano. Lunin, che papera!

Top e flop della partita Real Madrid-Manchester City, valevole per l'andata dei quarti di finale di Champions League: tanto divertimento in campo, difese non impeccabili ma giocate di alta scuola in una partita memorabile.

Pubblicato:

Alessio Raicaldo

Alessio Raicaldo

Sport Specialist

Un figlio che si chiama Diego e la tesi di laurea sugli stadi di proprietà in Italia. Il calcio quale filo conduttore irrinunciabile tra passione e professione. Per Virgilio Sport indaga, approfondisce e scandaglia l'universo mondo dello sport per antonomasia

Era soltanto il primo atto ma Real Madrid-Manchester City rispetta le attese confermandosi partita bellissima. Forse epica sarebbe il termine più corretto. Alla fine ne viene fuori un 3-3 nel quale succede di tutto tra rimonte e contro-rimonte. Lunin spiana la strada al City facendosi beffare da una punizione di Bernardo Silva dopo appena 2 minuti. I Blancos la ribaltano subito con l’autogol di Dias e con Rodrygo. Nella ripresa i Citizens si portano avanti grazie a Foden e Gvardiol con i padroni di casa che si rimettono in piedi salvati da Valverde. Tra 8 giorni la gara decisiva in Inghilterra.

Real Madrid-Manchester City, la chiave della partita

Quasi una finale anticipata: sono tanti i temi di Real Madrid-Manchester. Anche in panchina, considerato l’incrocio tra due dei tecnici più vincenti nella storia. Ancelotti opta per Tchouameni in difesa, per il resto non riserva sorprese nella formazione iniziale. Guardiola, invece, lascia fuori De Bruyne mentre chiede a Gvardiol di stringere i denti. Dopo 2 minuti Bernardo Silva beffa un Lunin tutt’altro che impeccabile per il vantaggio inglese. I Blancos la ribaltano in pochi minuti: autorete di Ruben Dias e poi Rodrygo.

Nella ripresa sono i Citizens a fare la partita ma gli ex Galacticos sono equilibrati in campo e concedono davvero poco all’avversario. Anche quel minimo basta però a Phil Foden per realizzare il meraviglioso gol del 2-2 con una conclusione dalla distanza sulla quale nulla può Lunin. Aumentano gli spazi e Gvardiol si inventa un’altra gemma, peraltro col suo piede meno buono. Contro-rimonta inglese. Ma non è finita qui perché Valverde non vuole essere da meno e segna un fantastico gol del 3-3. Spettacolo meraviglioso al Bernabeu e tanta voglia di assistere al ritorno.

Clicca qui per rivivere le emozioni del match

Real Madrid, cosa ha funzionato e cosa no

Imbarazzante il gol subito da Lunin che poteva condizionare l’atteggiamento in campo dei Blancos. Fortuna che i ragazzi di Ancelotti sono in grado ormai di gestire ogni tipo di emozione e di cambiare l’inerzia di una partita anche in pochi minuti.

Manchester City, cosa ha funzionato e cosa no

Il Manchester City ha sofferto per lunghi tratti a causa di un centrocampo sottotono. Poi è salito in cattedra Foden che, insieme a Bernardo Silva, ha ribaltato completamente la partita. La qualità in campo per i Citizens è evidente.

Le pagelle del Real Madrid

  • Lunin 4,5 Mette male la barriera e si posiziona peggio in occasione del gol di Bernardo Silva. Qualcosina per rimediare la fa ma l’errore è difficile da accettare per un n.1 del Real.
  • Carvajal 6 Non più giovanissimo ma ancora parecchio attivo in tutte e due le fasi di gioco.
  • Tchouameni 5,5 Pronti-via e si becca subito un giallo pesante che gli impedirà di prendere parte al ritorno. Non è il suo ruolo e lo si nota.
  • Rudiger 6,5 Sa di avere ancora più responsabilità del solito e interpreta la gara con determinazione e il mestiere dettato dalla notevole esperienza.
  • Mendy 6 Più guardingo rispetto al collega opposto. Sa di non avere piedi sopraffini e si limita a controllare la zona.
  • Valverde 7 Giocatore totale, sa fare tutto e Ancelotti ne abusa. Suo il 3-3.
  • Kroos 6,5 Lavoro poco evidente ma efficace, anche perché non può andar dietro al giro palla del City e deve ragionare di posizione. (Dal 72′ Modric 6 )
  • Camavinga 7 Nell’autogol di Ruben Dias ha tanti meriti. Gioca con personalità e con straripante foga agonistica.
  • Bellingham 6 Non è un centravanti, lo trovi un po’ ovunque e le cose migliori le fa in interdizione.
  • Rodrygo 7 Inizia che sembra quasi pestarsi i piedi con Vinicius. In realtà stava semplicemente caricando il veleno. (Dal 72′ Brahim Diaz 6,5 Entra subito nello spirito del match con un paio di giocate di livello).
  • Vinicius Jr 7 Belli i duetti con Rodrygo. Come il partner sembra creato artificialmente per giocare queste partite. Suo l’assist del 3-3. (Dall’86’ Joselu ng)

Le pagelle del Manchester City

  • Ortega 6 Nessuna responsabilità sui gol ma è chiaro che i piedi di Ederson non li ha.
  • Akanji 5 Difesa ballerina per i Citizens, anche lo svizzero contribuisce e l’episodio del gol di Rodrygo ne è testimonianza.
  • Stones 6,5 Ormai più regista che difensore, funzionale nello scacchiere tattico guardioliniano.
  • Dias 5,5 Tanta sofferenza contro i formidabili attaccanti dei Blancos, bravi a non concedere punti di riferimento.
  • Gvardiol 7 Non è al meglio ma la battaglia la fa al servizio della causa. Segna un gol bellissimo.
  • Rodri 6 Solitamente è un maestro nella gestione del pallone, stavolta se ne fa sottrarre qualcuno di troppo ma rimedia con l’assist a Foden e con un finale in crescendo.
  • Kovacic 5,5 Camavinga lo bracca impedendogli di ragionare, il croato fa comunque la sua parte. Mezzo punto in meno per l’errore sul 3-3.
  • Bernardo Silva 7 Furbo sul gol. Si allarga molto per favorire il gioco.
  • Foden 7 Ci prova a lungo, non perde la pazienza e il gol lo trova. Meraviglioso, come spesso gli capita. (Dall’87’ Alvarez ng).
  • Grealish 7 Molte delle iniziative più pericolose partono proprio da lui. Sempre vivo.
  • Haaland 5,5 Parte che sembra il solito tornado che vuole travolgere tutto e tutti poi finisce vittima della retroguardia madrilena che gli limita i movimenti.

Real Madrid-Manchester City: il tabellino del match

MARCATORI: 2′ Bernardo Silva (M), 12′ aut. Ruben Dias (R), 14′ Rodrygo (R), 66′ Foden (M), 70′ Gvardiol (M), 79′ Valverde

REAL MADRID (4-3-1-2): Lunin; Carvajal, Rudiger, Tchouameni, F. Mendy; Valverde, Camavinga, Kroos (dal 72′ Modric); Bellingham; Vinicius (dall’86’ Joselu), Rodrygo (dal 72′ Brahim Diaz). All. Ancelotti.

MANCHESTER CITY (3-2-4-1): Ortega Moreno; Akanji, Ruben Dias, Gvardiol, Stones; Rodri, Kovacic, Bernardo Silva; Grealish, Foden (dall’87’ Alvarez); Haaland. All. Guardiola

ARBITRO: Francois Letexier (FRA)

AMMONITI: 1′ Tchouameni (R), 37′ Akanji (M), 81′ Carvajal (R), 88′ Bernardo Silva

RECUPERO: 3′ pt; 4′ st

Pagelle di Real Madrid-Manchester City 3-3: Bernardo Silva, Foden, Vinicius Jr e Valverde incantano. Lunin, che papera! Fonte: Imago

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...