Virgilio Sport

Papà Luis Diaz racconta in lacrime la sua odissea dopo la liberazione dai sequestratori

Il 56enne genitore della stella del Liverpool è stato rilasciato dai guerriglieri colombiani dopo dodici giorni, solo giovedì sera è tornato a casa

11-11-2023 09:03

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Il peggio è alle spalle ma la paura non è ancora passata. In lacrime, Luis Manuel Diaz, padre dell’attaccante del Liverpool Luis Diaz, ha raccontato di come sia stato costretto a camminare tanto e a dormire poco durante le quasi due settimane in cui è stato tenuto in ostaggio in una zona montuosa della Colombia da membri del il gruppo guerrigliero Esercito di Liberazione Nazionale (ELN). Un racconto commosso dopo giorni da incubo.

Papà Diaz per 12 giorni è rimasto senza quasi dormire

Diaz senior, liberato giovedì dopo appelli da tutto il mondo, ha detto ai giornalisti nella sua casa nel nord del Paese di aver attraversato un periodo “molto difficile”, sopravvivendo “quasi 12 giorni senza dormire”. Anche la moglie di Diaz, Cilenis Marulanda, è stata rapita dagli stessi guerriglieri dell’ELN il 28 ottobre, ma è stata salvata poche ore dopo.

Diaz non è ancora in buone condizioni, cammina con evidente difficoltà ed una volta arrivato alla conferenza stampa ha poi dovuto essere aiutato ad alzarsi dalla sedia e portato via ma assicura di non essere stato maltrattato dai criminali.

“Ho dovuto camminare molto, andare su e giù per molte montagne, cercando di stare al sicuro per poter tornare a casa”, ha detto il 56enne, che conosce bene la regione montuosa che ha esplorato a lungo: “Non vorrei che nessuno si trovasse su quella montagna nella situazione in cui mi sono trovato io”.

Oltre 250 soldati coinvolti per il salvataggio di Diaz

I genitori del giocatore del Liverpool sono stati rapiti da uomini armati in motocicletta in una stazione di servizio a Barrancas, città vicino al confine con il Venezuela. Marulanda è stata salvata poche ore dopo ed è stata lanciata una massiccia operazione di ricerca terrestre e aerea per suo marito, con più di 250 soldati coinvolti.

Giovedì, dopo giorni di intense trattative, i ribelli hanno consegnato Diaz agli operatori umanitari in una località sconosciuta nella catena montuosa della Serrania del Perija, da dove è stato trasportato in elicottero alla città di Valledupar, a circa 90 km dalla sua città natale. lui. Ore dopo, è arrivato in macchina dai vicini che stavano festeggiando al suono di tamburi e trombe davanti alla sua casa, che era sotto scorta della polizia.

Ci sarebbero ancora 30 ostaggi nelle mani dei guerriglieri

Diaz ha detto ai giornalisti che spera che il suo rilascio sia un passo verso “la pace in Colombia e che tutti, e ogni ostaggio, abbiano la possibilità di essere liberi”. Il rapimento ha minacciato di far fallire i colloqui di pace ad alto rischio tra l’ELN e il governo del presidente di sinistra Gustavo Petro, entrato in carica lo scorso agosto con l’obiettivo dichiarato di raggiungere la “pace totale” in un paese devastato da decenni di combattimenti tra forze di sicurezza, guerriglieri di sinistra, paramilitari di destra e bande di narcotrafficanti. Nel corso degli anni in Colombia sono state rapite più di 38.000 persone, principalmente da gruppi armati che raccoglievano fondi tramite riscatto. Secondo i dati ufficiali l’ELN detiene ancora circa 30 ostaggi.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Bologna - Verona

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...