,,
Virgilio Sport SPORT

Quanto vale una medaglia olimpica?

L'Italia è tra i paesi che ripagano meglio gli atleti che si affermano ai Giochi: solo l'Azerbaigian ha una politica più gratificante in materia.

La gloria sportiva, il coronamento di anni e anni di sacrifici, una soddisfazione che chi ha provato giudica indescrivibile. Ma non solo. Già, perché conquistare una medaglia olimpica vale anche un bel po’ di soldini. Quanto, per la precisione? Dipende. Perché non tutte le medaglie valgono allo stesso modo. In Italia, ad esempio, sono riconosciute e premiate molto di più rispetto ad altri paesi.

Come è fatta e quanto pesa una medaglia olimpica

Va sfatato anzitutto un mito: le medaglie d’oro che vanno al primo classificato di ogni disciplina sportiva non sono fatte interamente in oro. E Tokyo non farà eccezione. Sono infatti costituite essenzialmente da altro materiale, in genere da argento, e ricoperte quindi con una sottile faglia d’oro. Se fossero d’oro massiccio, pesando circa un chilo avrebbero una quotazione di circa 50mila euro. Invece la percentuale d’oro è molto più sottile, per un valore intrinseco della medaglia di circa 500 euro. Ovviamente le medaglie d’argento per il secondo classificato e quelle in bronzo per il terzo valgono ancora meno, escludendo naturalmente il valore affettivo.

Medaglia olimpica, i premi in Italia

Alle ultime edizioni dei Giochi Olimpici, quelle estive di Rio 2016 e quelle invernali di Pyeongchang 2018, il Coni ha riconosciuto gli stessi premi per i vincitori, con una differenza di 10mila euro rispetto ai Giochi di Vancouver 2014 per i primi classificati: 150mila euro rispetto a 140mila. Chi si aggiudica la medaglia d’argento è premiato con un assegno da 75mila euro, al terzo vanno 50mila euro. È bene specificare che si tratta di compensi lordi e soggetti a tassazione, che in alcuni casi può raggiungere anche il 40%. Il premio netto per un oro olimpico azzurro, insomma, vale “soltanto” 90mila euro, per un argento 45mila euro, per un bronzo 30mila.

Medaglia olimpica, i premi nel resto del mondo

Poco? Non proprio, visto che l’Italia è seconda soltanto all’Azerbaigian quanto a gratificazioni per gli olimpionici. Sapete quanto ricevono dalle loro federazioni gli atleti statunitensi che vincono un oro ai Giochi? Poco meno di 40mila dollari (circa 32mila euro), più o meno in linea con i premi riconosciuti dalla Cina. La Francia è un po’ più prodiga (50mila euro), la Germania invece meno (20mila). Valgono molto pure gli ori australiani (115mila euro), mentre quelli canadesi sono tra i meno remunerati: appena 13mila euro. E gli inglesi? Gli atleti del Regno Unito non ricevono nulla dai loro comitati olimpici, ma hanno facoltà di stabilire direttamente contratti con partner e finanziatori, stessa policy adottata anche nei paesi scandinavi.

SPORTEVAI | 31-12-2020 11:49

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...