,,

Virgilio Sport

San Donato Tavarnelle, la squadra che ha unito due frazioni è in C

Due borghi divisi da antiche inimicizie si sono messi insieme per la scalata al grande calcio: missione compiuta, la matricola toscana promette battaglia.

17-09-2022 10:56

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Giornalista per vocazione e innamorato di tutti gli sport, ha collaborato con numerose agenzie, quotidiani, radio e tv. Su Virgilio Sport scrive soprattutto di Calcio: esperto scandagliatore del mondo social dei tifosi, è diventato anche un “giudice” accurato delle sviste arbitrali

San Donato Tavarnelle, la squadra che ha unito due frazioni è in C Fonte: Facebook

Il primo miracolo lo ha compiuto nel 2006, unendo calcisticamente due frazioni segnate da antiche inimicizie campanilistiche. Il secondo nel 2014, vincendo il campionato d’Eccellenza e ottenendo per la prima volta nella sua storia la promozione in serie D. Il terzo, infine, lo ha compiuto nel 2022, approdando trionfalmente in C. La squadra dei miracoli è il San Donato Tavarnelle, matricola terribile della provincia di Firenze: quale sarà il prossimo?

San Donato Tavarnelle, la storia e i risultati  

Prima di fondersi nel 2006, esistevano due piccole realtà locali: la Ac San Donato, espressione della frazione di San Donato in Poggio, e la Ac Libertas Tavarnelle, espressione del borgo di Tavarnelle Val di Pesa. Oggi entrambe le frazioni fanno parte del comune di Barberino Tavarnelle, nella città metropolitana di Firenze: 12mila abitanti in tutto, sparsi tra vari centri abitati. L’unione delle forze ha consentito la scalata al grande calcio. Dall‘Eccellenza alla D nel 2014 (l’anno prima era arrivata la Coppa Italia Dilettanti toscana, primo titolo della storia). Poi, dopo una discesa in Eccellenza e la risalita in D, il clamoroso approdo in Lega Pro.

La cavalcata vincente del San Donato Tavarnelle in D

Guidata da Paolo Indiani, la formazione giallo-bianco-blu ha vinto il girone E del campionato di serie D con 81 punti in 34 giornate, frutto di 26 vittorie, tre pareggi e cinque sconfitte. Sette le lunghezze di vantaggio sulla rivale più agguerrita, il Poggibonsi, una delle formazioni del ‘vicinato’ con le quali c’è maggiore rivalità (le altre sono il Ponsacco e lo Scandicci, fiere rivali in derby sentitissimi). L’8 maggio la data della promozione aritmetica: successo sul campo del Flaminia e via alla festa.

San Donato Tavarnelle: stemma, stadio e curiosità

Fino allo scorso anno il San Donato Tavarnelle giocava le partite casalinghe al Leonardo Pianigiani, lo stadio – da 400 posti – intitolato al primo presidente del club. Con la promozione in C si è reso necessario il trasferimento a Montevarchi, nell’attesa di individuare un impianto idoneo più vicino. Lo stemma societario mette insieme i colori delle due precedenti realtà, gialloblu per il San Donato e biancoblu per la Libertas, insieme alla rappresentazione stilizzata di un leone. Il tecnico scelto per la serie D è Lamberto Magrini, ex Grosseto. A lui il compito di traghettare la matricola terribile del girone B di serie C verso una tranquilla salvezza.

 

Leggi anche:

Caricamento contenuti...