Virgilio Sport

Sconcerti: Ecco perchè il Milan gioca male e vince e l'Inter no

L'editorialista del Corriere della Sera analizza il momento delle due milanesi

Pubblicato:

Sconcerti: Ecco perchè il Milan gioca male e vince e l'Inter no Fonte: Ansa

Si può giocar male e crescere da una parte di Milano ed involversi dall’altra parte? Per Mario Sconcerti sì. L’editorialista del Corriere della Sera analizza nel suo fondo il momento diverso delle due milanesi e scrive: “Il Milan gioca meno bene adesso come è normale per chi ha trovato la squadra e non si cerca più. Nessuno fa la grande partita, né Piatek, né Suso, né Paquetà, tutti fanno la loro parte con mestiere, questo vuol dire essere una buona squadra. Essere identificabili, avere sintomi corretti. Puoi giocare meglio o peggio, dipende dalla giornata, ma sai di avere una buona base. Quella del Milan adesso è la migliore nell’altro campionato che ormai si gioca per il terzo posto. Se scompare Piatek il Milan ha comunque una buona sopravvivenza perché è abbastanza continuo in attacco e vive su un equilibrio di squadra ormai non comune.

EQUILIBRI ASSENTI – Equilibrio che non ha più l’Inter, una squadra dove non si sente chi comanda e non si riesce a scegliere la soluzione popolare. Credo che l’errore di tutti sia valutare i comportamenti in base ai risultati delle partite. Ci sono comportamenti inaccettabili qualunque siano le conseguenze sul campo. Il clan Icardi ha parlato male dei propri compagni, in pratica ha tradito, non può essere questa una base di trattativa. Icardi deve ritrovare la sua squadra e tocca a lui muoversi. Nella sua lettera invece è un continuo parlare di se stesso. È questo che i grandi giocatori spesso non capiscono, che tutti dipendiamo dagli altri, anche loro. È nel complesso andata bene all’Inter che la Roma abbia perso rimanendo a tre punti.

IL VERO COLPEVOLE – L’Inter è quella più in difficoltà adesso, esce con un punto da due trasferte medie, è chiaramente qualcosa di sfuggente. Il Milan non vola alto ma ha una struttura, giocatori ognuno nel ruolo giusto, nessuna polemica. Ha un’idea chiara di calcio ed è chiaro chi ne sia il padrone. All’Inter poche cose sono chiare, si è già logorato Spalletti fra risultati e polemiche, comincia a logorarsi Marotta. Un dirigente è più di un allenatore. O risolve le cose in fretta o perde l’infallibilità, cioè il suo ruolo. Io chiedo scusa, ma dell’Inter oggi non capisco nulla. Chi è il colpevole? E se c’è, perché non paga? Spalletti, Icardi, Marotta hanno buttato via 9 punti in 8 partite, ora basta. Si parlino e ognuno faccia il suo mestiere

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...