Virgilio Sport

Serie A: è più facile fare gol rispetto al passato?

La quantità di gol a cui stiamo assistendo nelle ultime stagione è sicuramente insolita per la storia della nostra Serie A. Sta cambiando qualcosa?

Pubblicato:

Il cambiamento del calcio porta con se tantissime riflessioni, più o meno corrette, sulla nuova natura di questo sport. Una delle più grandi differenze rispetto al passato è la frequenza con cui le partite finiscono con punteggi molto elevati, cosa molto diversa rispetto al passato. Nelle ultime stagione abbiamo assistito al alcuni risultati incredibili (Inter-Atalanta 7-1, per esempio), e più in generale un aumento del numero delle reti segnate nel nostro campionato. Questo dipende sicuramente dalla spinta che il broadcasting ha sul mondo del calcio, in quanto sicuramente si vendono meglio partite piene di gol che 0-0 tutti tattica e catenaccio. Questa considerazione ci porta ovviamente a parlare del cambiamento del gioco nei suoi dettami tattici e tecnici secolari, in quanto il calcio moderno è molto più veloce e fisico di quello di 20 anni fa.

Analizzando la classifica cannonieri della Serie A dal 2000 ad oggi, si notano subito alcune cose interessanti, ma una su tutte: fino a pochi anni fa, erano necessari molti meno gol per vincere la classifica marcatori. Per fare un esempio, nel 2001 Hernan Crespo vinse il titolo di capocannoniere con 26 gol, un’enormità per quei tempi. Andando un po avanti, nel 2002, 2003 e 2004 vinsero rispettivamente Trezeguet e Hubner (pari merito nel 2002), Vieri e Sheva, tutti e 4 con 24 gol. Ne bastarono addirittura 21 ad Alex Del Piero, nel 2008, per arrivare in cima alla classifica. A parte qualche exploit (Di Natale nel 2010 con 29, Cavani nel 2013 con 29) i numeri rimangono sostanzialmente simili fino alla baraonda napoletana di Gonzalo Higuain, che nel 2016 infranse ogni record segnando 36 reti in una singola stagione (replicato poi da Ciro Immobile nel 2019-2020).

Andando indietro nel tempo si diventatava capocannonieri anche con 15 gol (come Maradona nell’88) ed anche se non c’erano venti squadre in A, resta un numero bassissimo.

La domanda dunque è questa: è diventato veramente più facile segnare in Serie A? La risposta è né sì, né no. È un calcio diverso, un calcio meno di posizione e più di velocità e fisicità costanti, più verticale e meno legato alla tattica. Un tempo si giocava a uomo, si marcava stretto, e la grande tradizione di difensori italiani è fatta da giocatori che, senza tecnologia in campo, potevano anche usare le “maniere forti” quando ci si trovava davanti un Maradona o un Ronaldo. Oggi, invece, il calcio mondiale sta andando nella direzione dello spettacolo, dello show e, dunque, dei tanti gol.

Di sicuro alcune regole cambiate sono state decisive: dal vietare il retropassaggio al portiere alla regola dei tre punti che ha spinto le squadre a cercare di più la vittoria anziché accontentarsi del pari, dai cartellini che prima si estraevano più raramente e che ora sono aumentati alla crescita dei rigori concessi (specialmente per fallo di mani). Poi ci sono gli aspetti tattici, come il cosiddetto gioco che parte dal basso, che spesso crea problemi alle difese.

Come nelle migliori tradizioni degli americani, che amano i punteggi assurdi e gonfiati (vedi punteggi dell’NBA e dell’NFL, ma anche dell’NHL), il calcio moderno è sempre meno legato alla tattica e sempre più all’estro, alla magia del momento e alla preparazione fisica eccellente. Si perderà il concetto di difendere? Sicuramente no, ma il calcio non sarà mai più quello di una volta.

Di seguito la classifica dei Capocannonieri della Serie A dal 2000 ad oggi:

2000: Andrij Ševčenko (Milan) – 24 gol

2001: Hernan Crespo (Lazio) – 26 gol

2002: David Trezeguet (Juventus) e Dario Hubner (Piacenza) – 24 gol

2003: Christian Vieri (Inter) – 24 gol

2004: Andrij Ševčenko (Milan) – 24 gol

2005: Cristiano Lucarelli (Livorno) – 24 gol

2006: Luca Toni (Fiorentina) – 31

2007: Francesco Totti (Roma) – 26 gol

2008: Alessandro Del Piero (Juventus) – 21

2009: Zlatan Ibrahimovic (Inter) – 25

2010: Antonio Di Natale (Udinese) – 29 gol

2011: Antonio Di Natale (Udinese) – 28 gol

2012: Zlatan Ibrahimovic (Milan) – 28 gol

2013: Edinson Cavani ( Napoli) – 29 gol

2014: Ciro Immobile (Torino) – 22 gol

2015: Mauro Icardi (Inter) e Luca Toni (Hellas Verona) – 22 gol

2016: Golzalo Higuain (Napoli) – 36 gol

2017: Edin Dzeko(Roma) – 29 gol

2018: Mauro Icardi (Inter) e Ciro Immobile (Lazio) – 29 gol

2019: Fabio Quagliarella (Sampdoria) – 26 gol

2020: Ciro Immobile (Lazio) – 36 gol

E TU INVECE COSA NE PENSI? PARTECIPA AL NOSTRO SONDAGGIO SU FACEBOOK

Serie A: è più facile fare gol rispetto al passato? Fonte: Getty Images

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...