Virgilio Sport

Sinisa Mihajlovic e la cura sperimentale nella fase finale a Bergamo contro la leucemia. Funerali alle 11

La nota dell'ospedale di Bergamo, Papa Giovanni XXIII, ha reso noto il motivo dei ringraziamenti della famiglia al prof. Rambaldi che lo ha seguito

Pubblicato:

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Di Sinisa Mijalovic, della sua malattia e delle ultime ore rimane anche questo contributo nelle ultime disperate fasi della malattia che ha contrastato come ha saputo e voluto. Da quanto emerge, Mihajlovic ha cercato aiuto anche all’ospedale Papa Giovanni perché, dopo avere effettuato diversi tipi di cure negli ultimi tre anni, per contrastare la leucemia mieloide acuta, all’ex calciatore era stata segnalata una nuova tecnica che viene praticata da Alessandro Rambaldi, direttore del dipartimento di Ematologia-Oncologia dell’ospedale di Bergamo.

Mihajlovic, la scelta della cura sperimentale

E qualche mese fa, così, si è rivolto al primario, che lo ha seguito, si legge in una nota del Papa Giovanni, “nella fase finale della sua malattia per un protocollo sperimentale”.

Un paziente Sinisa, l’allenatore e il re delle punizioni, che “ha vissuto con grandissimo coraggio e dignità la sua malattia”, si legge nella nota.

Quella leucemia mieloide acuta che gli era stata diagnosticata tre anni fa, nel 2019 di rientro dalla Sardegna, e che aveva contrastato con i cicli di chemio, un trapianto, nuove terapie e che – in questi mesi – aveva deciso di contenere con questa sperimentazione.

Anche per questo, il nome di Rambaldi è compreso nel breve elenco dei medici che la famiglia Mihajlovic ha voluto ringraziare nel comunicato che ha annunciato la sua scomparsa che è stato deciso per sottolinearne le cure effettuate “con amore e rispetto”.

Gabriele Gravina Fonte: ANSA

Gravina rende omaggio a Mihajlovic

Le parole della dottoressa Bonifazi, amica e oncologa di Mihajlovic

Tra i medici che hanno accompagnato Mihajlovic nel proprio percorso di cura c’è anche la dottoressa Francesca Bonifazi , direttrice del Programma trapianto e del Programma dipartimentale di terapie cellulari avanzate all’interno dell’Ematologia diretta dal professor Michele Cavo all’ospedale Sant’Orsola di Bologna.

Ha detto al Corsera:

“Sinisa è stato un uomo che aveva una grande voglia di vivere e amava la vita più di qualunque altra cosa. Poi è stato circondato dall’affetto dei suoi: sua moglie gli è stata vicina dal primo all’ultimo momento, sempre. Arianna è stata la donna che gli ha dato coraggio e che ha gestito la famiglia in una fase molto difficile”, le sue parole.

L’ultimo saluto in Campidoglio di amici, tifosi e politici

La morte di Mihajlovic, che aveva fin dal primo momento annunciato la sua malattia in pubblico pur continuando ad allenare il Bologna, ha scosso tutto il mondo del calcio. A salutarlo per l’ultima volta, alla camera ardente in Campidoglio, tifosi della Roma e della Lazio, calciatori, allenatori, ma anche la premier Giorgia Meloni e il presidente del Senato Ignazio La Russa.

Meloni al campidoglio per l'omaggio a Sinisa Mihajlovic Fonte: ANSA

Giorgia Meloni in raccoglimento alla camera ardente

I funerali alla Basilica di Santa Maria degli Angeli alle 11

Un tributo che continua con 2000 tifosi (di qualunque estrazione e squadra, dalla Lazio al Bologna) all’esterno della basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, dove si stanno celebrando le esequie per salutare il campione e abbracciare l’uomo, il padre e marito amorevole e amatissimo di Arianna e di quegli splendidi ragazzi, i suoi figli, che gli sono stati vicini.

Presenti il presidente della Figc, Gabriele Gravina, il presidente del CONI, Giovanni Malagò, gli ex calciatori Francesco Totti, Bruno Conti, Daniele De Rossi, il presidente della Lazio Claudio Lotito, l’attaccante Ciro Immobile.

Personaggi del mondo dello spettacolo come Gianni Morandi e dei social come Gianluca Vacchi, che hanno reso omaggio a nome dei tifosi del Bologna all’ex allenatore. Un amore di affetto e di riconoscenza che ha avvolto Sinisa, Arianna e la loro famiglia da sempre molto amati dai tifosi e dai bolognesi che gli hanno conferito anche la cittadinanza onoraria.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...