Virgilio Sport

Supercoppa, il medico del Milan: "Ecco cosa ho detto a Banti"

Il dottor Mario Brozzi è stato squalificato fino al 4 febbraio dopo il concitato finale della partita di Gedda contro la Juventus.

Pubblicato:

Supercoppa, il medico del Milan: "Ecco cosa ho detto a Banti" Fonte: 123RF

Gli appassionati di calcio più attenti sanno bene che oltre a quello di allenatori, dirigenti e giocatori esiste anche il mercato dei medici sociali. È ormai sempre più frequente vedere professionisti della medicina che hanno prestato servizio per anni a una società approdare in un altro club, a volte anche rivali. Così ecco che Rudy Tavana, storico medico del Milan, cura oggi i giocatori del Torino o che Mario Brozzi, al servizio della Roma di Totti per 25 anni fino al 2009, sia oggi alle dipendenze del Milan.

Proprio il nome del medico romano è balzato agli onori delle cronache dopo la Supercoppa Italiana che la Juventus e i rossoneri hanno giocato a Gedda e vinta per 1-0 dai campioni d’Italia grazie ad un gol di Cristiano Ronaldo, al primo titolo con la nuova maglia e giunto al 13° titolo diverso della propria carriera.

La gara è stata nervosa, in particolare nel finale e dopo il triplice fischio di Banti. I giocatori rossoneri e Rino Gattuso non hanno gradito il metro usato dall’arbitro livornese che, inflessibile nel ricorrere al Var per l’espulsione di Kessié, non è andato a rivedere il contatto nell’area bianconera tra Emre Can e Andrea Conti, proprio nei secondi conclusivi della partita. A questo, oltre che alle vicende personali di mercato, si deve il nervosismo di Gonzalo Higuain al termine della gara, oltre che dello stesso Gattuso, squalificato per un turno.

Al parapiglia ha preso parte anche lo stesso Brozzi, fermato fino al 4 febbraio perché, come recita il comunicato del Giudice Sportivo, “con fare arrogante e dispregiativo, rivolgendosi a un proprio calciatore, proferiva, percepito dal direttore di gara, parole gravemente offensive e insinuanti”.

Nel dettaglio, Brozzi ha voluto difendere Higuain. Il medico ha però tenuto a specificare meglio i fatti attraverso un post su Twitter in risposta a una domanda di un tifoso in merito all’accaduto: “Preoccupato delle reazioni dei ragazzi volevo allontanare un giocatore dall’arbitro per evitare la beffa oltre al danno. nel tentativo di allontanarne uno (di giocatore ndr) dal direttore di gara gli ho detto “vieni via non ci parlare altrimenti completiamo l’opera”, al quesito arbitrale “cosa vuole insinuare?” ho risposto “nulla desidero sottrarre la beffa al danno”.

Amara la conclusione del botta e risposta: “Questa cosa mi rattrista assai, non già per quanti mi conoscono personalmente, ma per chi non conoscendomi chissà cosa può  pensare. Pazienza”.
 

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...