Virgilio Sport

ATP 250 Bucarest: Nardi sciupa 5 match point, poi la caviglia "lo tradisce" su un campo indegno e perde con Seyboth

Epilogo beffardo per Nardi al debutto a Bucarest: lotta e rimonta con Seyboth, ma s'infortuna affossando il piede in una buca ed è costretto alla resa

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

Maledetto fu il campo di Bucarest. Quello che è costato partita e (l’auspicio è che non sia così) pure la possibilità che Luca Nardi possa tornare a breve nel tabellone di un qualche torneo della stagione europea. Tutta colpa di una maledetta buca nella quale s’è affossato il piede sinistro del giocatore pesarese nel corso del nono gioco del terzo set, peraltro infinito pensando ai 5 match point avuti a disposizione dal giocatore azzurro, ma non sfruttati anche per la bravura e la resilienza del brasiliano Thiago Seyboth Wild. Il quale chiaramente poi ha avuto modo di beneficiare di quanto accaduto, garantendosi al tiebreak il passaggio del turno.

Il game maledetto: 5 palle match annullate e l’infortunio

Nardi è stato però tradito non tanto da qualche errore non forzato nel momento più caldo del match, quanto soprattutto dalle pessime condizioni del terreno di gioco. Più volte anche in telecronaca (in Italia i diritti dei tornei ATP 250 li detiene Sky) è stato evidenziato lo stato del fondo in terra rossa decisamente non all’altezza dell’evento, che già qualche piccolo intoppo ai due giocatori aveva creato nel corso di una partita davvero “folle”, col brasiliano avanti nel primo set (vinto 6-3) e poi il pesarese bravissimo a rimediare salendo di colpi nel secondo, dove ha conquistato la vittoria al tiebreak lanciandosi nel terzo con la convinzione di poter ribaltare definitivamente il match.

E in effetti il break arrivato nel quinto gioco ha dato credito ai propositi di Nardi, che nel nono gioco ha alzato il livello arrivando a procurarsi 5 palle match, tutte in qualche modo annullate da Seyboth: la prima con un servizio potente seguito da un dritto, la seconda con un gran passante di diritto, la terza con un pregevole rovescio incrociato, la quarta su un rovescio fuori misura del marchigiano (la chance più rimpianta) e la quinta con un ace.

Uno stoico Nardi porta Seyboth al tiebreak

Un game infinito è diventato di colpo maledetto quando Nardi è finito su una buca nel tentativo di rispondere dal centro del campo, procurandosi una brutta distorsione. L’avversario, comprendendo la situazione, è subito corso in aiuto portando anche una sedia, così da consentire all’italiano di alleviare il dolore.

L’intervento del medico ha suggerito a Nardi di fasciare la caviglia e di provare a riprendere a giocare: Seyboth ha subito ottenuto il punto per far suo il game, poi sul turno di servizio del pesarese ha avuto tre palle break, riuscendo soltanto alla terza a trovare il 5-5 e garantirsi almeno il tiebreak, conquistando agevolmente il proprio turno al servizio.

Nel dodicesimo gioco però Nardi è andato oltre i propri limiti: seppur giocando da fermo, l’azzurro ha tenuto la battuta e s’è spinto fino a un tiebreak nel quale ha vinto il primo scambio, salvo poi cedere alla distanza per 7-2, non avendo armi a disposizione (in pratica non ha mai servito, ma ha solo buttato la palla dall’altra parte del campo, non potendo spingere sul piede sinistro).

La primavera di Nardi: rotta su Roma (ad ogni costo)

Nardi, che nei giorni scorsi ha annunciato la separazione lampo dall’Academy di Giorgio Galimberti (dove era andato di fatto prima di Natale), dovrà ora monitorare con attenzione le proprie condizioni fisiche per capire come impostare il proseguo della stagione sul rosso.

Resta il rammarico per un match nel quale, al netto di un terreno di gioco indegno per una gara di questo rango, le occasioni per chiudere i conti prima di infortunarsi alla caviglia sinistra le ha avute, eccome.

Il prossimo grande obiettivo della primavera di Nardi, vincitore del Challenger di Napoli disputato nella settimana di Pasqua, potrebbe far rima con Roma: l’attuale numero 80 del mondo, pur rischiando di perdere qualche posizione in questa settimana (diversi giocatori che seguono a breve distanza sono impegnati sui campi di Bucarest, Barcellona e Monaco di Baviera), per nulla al mondo si sognerebbe di saltare l’appuntamento con gli Internazionali d’Italia, dove vanta due partecipazioni tramite wild card e altrettante sconfitte contro Norrie (nel 2022) e Goffin (nel 2023).

ATP 250 Bucarest: Nardi sciupa 5 match point, poi la caviglia "lo tradisce" su un campo indegno e perde con Seyboth Fonte: Ansa

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...