Virgilio Sport

"Troppi insulti": gli arbitri verso lo sciopero

Clamorosa protesta in Portogallo

23-11-2017 18:00

"Troppi insulti": gli arbitri verso lo sciopero Fonte: 123RF

“Arbitro occhiali”, “Venduto”, “Cornuto”: fanno sorridere gli storici insulti agli arbitri rispetto agli epiteti, ben più pesanti, pronunciati oggi all’interno degli stadi di calcio. 

Da anni le ingiurie contro i fischietti, urlati sia dai tifosi che dai giocatori e dagli allenatori, sono ben più pesanti e in Portogallo la situazione ha raggiunto un punto critico, tanto che i direttori di gara stanno minacciando un clamoroso sciopero.

Sommersi da proteste e accuse infondate di corruzione sulle loro prestazioni, gli arbitri lusitani sono pronti ad incrociare le braccia dal mese di dicembre. Lo riporta L’Ansa.

I fischietti chiedono l’inasprimento delle misure disciplinari contro giocatori ed allenatori che infrangono i regolamenti. Così, in vista del weekend del 15 e 16 dicembre, 73 dei 76 arbitri abilitati a dirigere partite di serie A e serie B sono pronti a marcare visita perché “psicologicamente non più in grado di esercitare le proprie funzioni”. 

Un rischio che la Federazione vuole assolutamente scongiurare. L’Associazione portoghese degli arbitri, i cui vertici si sono riuniti in un meeting, ha fissato la protesta spiegando che non saranno più tollerate “insinuazioni” riguardanti il loro operato a vantaggio di determinati club o perfino la complicità in accordi di corruzione.

Per non spostare o ‘cancellare’ la giornata si potrebbe, in mancanza di alternative, arrivare a una soluzione disperata: ovvero decidere il nome di un ‘arbitro d’emergenza’ che sia gradito a entrambe le squadre. Secondo le regole, l’arbitro può essere anche “un giocatore di prima squadra” o “il capitano del gruppo”. Una situazione assurda che minerebbe la credibilità del campionato.

 

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...