,,
Virgilio Sport SPORT

La Sla uccide ancora: un nuovo lutto nel mondo del calcio

Addio a Roberto Labadini, ex calciatore e allenatore; il centrocampista di Chievo e Prato ennesima vittima di questa atroce malattia

Abbiamo imparato a conoscere la Sla, abbiamo imparato ad associarla al calcio, ai nomi di giocatori troppo giovani e gli interrogativi scaturiti si sono moltiplicati in numero esponenziale per capire che cosa e perché, statisticamente, sia così alta la frequenza tra i calciatori, gli sportivi. L’ultimo ad andarsene, a causa di questa tremenda malattia, è stato Roberto Labadini, ex Prato e Chievo.

Prima di Bologna-Chievo, con un minuto di silenzio si è ricordato questo giocatore che negli anni Novanta ha animato il centrocampo del Chievo e, prima ancora, del Prato che lasciò per Verona a 26 anni. Labadini, nato il 9 luglio 1964, è l’ennesima vittima della Sla, la sclerosi laterale amiotrofica che ha colpito e ucciso tanti calciatori: ormai, in Italia, siamo oltre quota quaranta.

Ma Roberto aveva vissuto la malattia nella discrezione, per scelta. Da quanto si legge, la malattia è stata velocissimaanche perché l’ex calciatore aveva rifiutato la tracheotomia

“Il Presidente Luca Campedelli, a nome di tutta l’A.C.ChievoVerona apprende con dolore – si legge nella nota ufficiale della società – la tragica notizia della scomparsa di Roberto Labadini, centrocampista che ha vestito la maglia del ChievoVerona nelle stagioni 1990/1991 e 1991/1992, ed esprime le più profonde condoglianze ai suoi familiari”.

VIRGILIO SPORT | 09-04-2019 10:08

La Sla uccide ancora: un nuovo lutto nel mondo del calcio Fonte: Instagram

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...