Virgilio Sport

Attaccare la Juve dà popolarità? Che bufera sul web

Polemica social infinita dopo i veleni di Juve-Fiorentina

06-02-2020 10:10

Attaccare la Juve dà popolarità? Che bufera sul web Fonte: 123RF
La marea di commenti, tweet, video e interventi che hanno fatto seguito ai veleni post Juve-Fiorentina non accenna a placarsi ma c’è chi ipotizza un tornaconto nel parlar male della Juventus. Possibile che urlare al complotto, criticare gli arbitri suppostamente pro-bianconeri e lamentarsi dei presunti favori per la Signora possa portare un vantaggio in termini di popolarità e di click sul web?
LA TESI – E’ la tesi di Sandro Scarpa. Il giornalista di Juventibus nel suo articolo analizza i tanti commenti degli opioninisti per arrivare alla conclusione che tira più un attacco ai bianconeri che un elogio delle loro capacità.
L’ARTICOLO – Da Piccinini a Pistocchi, da Ziliani a Telese fino alle tv e ai giornali viene analizzata la differenza di successo tra una critica e un complimento alla Juve. “Sono articoli che vanno a costruire un substrato di convinzioni vitali per quei tifosi che vivono il calcio in modo becero e zeppo di contrapposizioni, complotti e vergogne”.
LE DIFFERENZE – Scarpa mostra dei grafici in cui si evidenziano le differenze di popolarità tra un tweet contro e uno pro-Juve e si sofferma anche su Piccinini, scrivendo che ha guadagnato 1000 followers per 2 tweet contro Nedved!
LA RAI – Sotto accusa anche la Rai, che ha fatto il pieno con lo show di Commisso, e i sondaggio sul campionato falsato ma non si salva nessuno, dal giornalista politico Formigli  a Luca Telese, fino ai  vari Lerner, Riotta, Ruggeri, per tacere di altri volti noti o meno.
OPINIONISTI – Poi si parla del “successo di followers e interazioni di giornalisti spariti dai media… I vari Pistocchi, Palmeri, Ziliani con centinaia di migliaia di fan ed interazioni sui tweet anti-Juve e poche decine su altri post”. Attacchi anche a Paolo Bonolis, “che sa che le continue “battute anti-juve” hanno un seguito irresistibile che compensa l’eventuale fastidio del pubblico juventino. Mentre gli altri video hanno poche decine di migliaia di visualizzazioni, La Battuta AntiJuve ha fatto 1,3 milioni di visualizzazioni.
LE REPLICHE – Fioccano le repliche dei diretti interessati. Piccinini lo liquida così: “Come avrai notato twitto una volta ogni 10 giorni. Dopo 40 anni di Tv, grazie a Dio, non ho bisogno di popolarità sui social. Abbraccio”.
L’ATTACCO – Dura risposta anche da parte di Marco Lollobrigida della Rai: “Datevi una calmata e siate più equilibrati”.
LE REAZIONI – I tifosi della Juve sono invece d’accordo “Infatti non è un caso che Commisso, uomo che conosce bene queste dinamiche perché imprenditore proprio del settore delle comunicazioni, abbia furbescamente aspettato la gara contro la Juventus per ritagliarsi il suo importante spazio su tv e giornali” o anche: “Darà visibilità ma dicono solo cose false, questi bugiardi in malafede!”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...