Virgilio Sport

Calcio femminile, Sara Gama lascia la Nazionale: l'addio sui social. Il 23 ultima in azzurro contro l'Irlanda

La calciatrice della Juventus Women lascia l'Italia, dopo quasi vent'anni e senza polemiche: "Un viaggio straordinario, decisione presa d'accordo col Ct Soncin".

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

L’avventura di Sara Gama nella Nazionale si chiuderà ufficialmente venerdì prossimo, 23 febbraio, in occasione di Italia-Irlanda al Viola Park di Firenze. Sarà questa l’ultima, meritata passerella in azzurro per la 34enne della Juventus Women, forse la calciatrice italiana più popolare, almeno degli ultimi anni. L’annuncio è arrivato un po’ a sorpresa sui social. E non contiene toni polemici. “Decisione condivisa con il Ct Soncin”, ci ha tenuto a sottolineare il forte difensore bianconero.

Italia femminile, l’annuncio di Sara Gama

“Oggi annuncio la decisione di lasciare ufficialmente la Nazionale Italiana“, esordisce Gama nel suo lungo e toccante messaggio su X. “È stato un viaggio straordinario che, iniziato quasi vent’anni fa dalle nazionali giovanili, è passato attraverso incredibili emozioni e grandi cambiamenti. Ho dato tutto e deciso di lasciare d’accordo con il CT che fin da subito, con grande rispetto, ha condiviso con me ogni passaggio di questo momento”.

Gama, le ragioni dell’addio all’azzurro

Quindi la spiegazione dell’addio: “Ho deciso di lasciare adesso, all’inizio di un nuovo ciclo nel quale ho dato il mio contributo per gettare solide fondamenta per il futuro e trasmettere i giusti valori a un gruppo che ha nuovamente dimostrato le sue grandi potenzialità. Lascio qui, dove tutto è iniziato, passando dalla nostra Coverciano e da una città che gli appassionati sanno esser stata testimone d’importanti passi della nostra Nazionale. Qui, nella culla del nostro calcio, dove sono cresciuta e ho imparato molto dalle persone che ho incontrato sul mio cammino”.

Il 23 l’ultimo match con l’Italia a Firenze

Quindi i ringraziamenti: “E allora grazie a tutti coloro che hanno condiviso la nostra storia. Alla mia famiglia, alle mie compagne, agli staff, agli addetti ai lavori, ai tifosi. A tutte e tutti noi che, insieme, siamo l’azzurro. Ho usato il mio corpo e la mia mente per giocare. Li ho usati anche per parlare e cercare di ispirare, dentro e fuori dal campo. Oggi posso dire che alcune di queste parole e gesti sono serviti. Questa consapevolezza e l’amore per questo gioco e questa maglia sarà quanto porterò con me. Grazie a chi mi ha voluto bene e si è sentito rappresentato con me in questa maglia Azzurra. Di certo, io mi sono sentita espressa in essa. Grazie alle persone, perché sono le persone che fanno la differenza e noi ne abbiamo fatta tanta”.

Sara Gama: 18 anni straordinari in azzurro

Proprio contro l’Irlanda Sara Gama aveva realizzato il primo gol con la maglia dell’Italia, nel marzo del 2007. In Nazionale maggiore aveva esordito il 17 giugno 2006 a Mariupol contro l’Ucraina, in un match valido per le qualificazioni mondiali. Quella conclusiva contro le irlandesi sarà la presenza numero 140 in azzurro per la calciatrice triestina. Sette i gol realizzati. La scorsa estate aveva fatto scalpore la sua mancata convocazione al Mondiale in Australia e Nuova Zelanda, decisa dal Ct Bertolini. Stavolta è stata lei a dire no. Ma senza rancori.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...